Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Il colore argento che unisce l’Italia dal nord al sud: la nuova freccia arriva sui binari termolesi

Per la prima volta il Nord ed il Sud Italia uniti da un treno: è il nuovo ‘Frecciargento’ che da settembre unisce Termoli al resto dello Stivale con tariffe vantaggiose e confort eccezionali.

Argento vivo e rosso fuoco, finestrini panoramici, comode sedute e tre classi: si presenta così il nuovo Frecciargento, in capo a Trenitalia, che unisce il Sud ed il Nord Italia. Ad onor del vero il treno della compagnia battente bandiera italiana è attivo dal 2012, da quando ha sostituito la categoria Eurostar Italia Alta Velocità entrando, di diritto, nella famiglia delle ‘Frecce’.

Frecciargento

Le novità però sono due: la prima riguarda il tragitto visto che, prima d’oggi, il convoglio non aveva mai effettuato fermate in Molise, men che meno a Termoli. È la prima volta, infatti, che il brand si spinge più a sud di Pescara, toccando la cittadina adriatica e spingendosi fino alla Puglia con arrivi a Foggia, Barletta e Bari.

La seconda novità è che il Frecciargento può fregiarsi dei nuovi treni ETR700 che sfruttano l’alta velocità, almeno nei tratti dove questa è prevista (non è il caso del Molise) pur utilizzando la linea tradizionale, sono ecologici e raggiungono una velocità massima di 250 km orari. A bordo del nuovo nato della compagnia di Trenitalia corre il lusso grazie alle tre classi, standard, premium e business, spalmate su 8 carrozze, per un totale di 500 poltrone reclinabili, provviste di Wi-Fi, bar bistrò, monitor, climatizzatore e posto per disabili.

Al di là delle caratteristiche tecniche e dei confort a bordo, la notizia da sottolineare è che il convoglio unisce il Nord con il Sud Italia è più veloce. Ovviamente laddove i binari non stati adeguati all’alta velocità i tempi di percorrenza non cambiano. I prezzi? Un po’ più alti rispetto alle altre frecce, ma con una qualità di tutto rispetto: partendo da Termoli per dirigerci a Roma spenderemmo meno di 50 euro per la seconda classe e circa 65 per la prima, con un solo cambio da effettuarsi.

Un’offerta che va ad aggiungersi a quelle già esistenti e che permetterà alle migliaia di pendolari molisani di raggiungere i luoghi di studio e lavoro con più facilità (e con orari più flessibili). network sarà in grado di unire i diversi nodi ferroviari, unendo il Paese come la tela di un ragno, con ramificazioni che toccheranno numerose regioni.

Le possibilità per i viaggiatori saranno molteplici, a cominciare dalle nuove tipologie di spostamento. Frecciargento aprià anche nuovi ed interessanti scenari di mercato. Uno dei settori che trarrà maggiore vantaggio dal nuovo convoglio sarà sicuramente il turismo, grazie alla possibilità di partire dal nord alla volta delle spiagge dorate del sud, senza necessità di prendere l’auto, con il rischio di ritrovarsi in coda per ore sull’autostrada con il caldo o la neve, rovinando così il clima festoso delle ferie.