Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Ricatto hard ad una donna sposata: “Fai sesso con me o pubblico i video delle corna a tuo marito”

La vittima di questa brutta storia di ricatti a sfondo sessuale è una giovane di 25 anni. Il persecutore, invece, è un concittadino di quasi sessant’anni che l’ha seguita e ripresa durante un tradimento al consorte. Quindi le minacce alle quali la donna ha ceduto per un periodo fino al crollo psicofisico che l’ha condotta in caserma. L’uomo è indagato per stalking aggravato

“Nessuna violenza sessuale, i rapporti sono stati consenzienti e avevamo firmato anche un contratto di prestazione”. E’ questa in sintesi la versione dell’uomo sul quale – venuta meno l’accusa di violenza sessuale – pesa però quella di stalking aggravato. Reato del quale sarà chiamato a rispondere davanti al Gup il prossimo ottobre.

Un ricatto nato sulle ceneri di un tradimento compiuto dalla giovane vittima di questa brutta storia: una ragazza di soli 25 anni che, sposata, aveva tenuto una relazione extraconiugale della quale il presunto persecutore era venuto a conoscenza.

Quindi nell’ultimo anno l’ha inseguita e pedinata. Di lei ha studiato gli spostamenti, gli orari di entrata e di uscita da casa o dal lavoro. Un’ossessione che lo ha tenuto inchiodato alle calcagna della vittima senza che questa si accorgesse mai della presenza dell’uomo.

Ed è riuscito presto nel suo intento: ha immortalato con una videocamera l’incontro sessuale tra la neo-sposa e l’amante di lei.

Già dopo poche ore da quell’appuntamento clandestino, consumato lontano dal rischio di incontrare occhi indiscreti, appartati e al sicuro, è arrivata invece la prima di quella che sarà una lunga serie di telefonate minacciose e intimidatorie.

“Vieni a letto con me oppure rendo pubblici i video delle corna a tuo marito e ti metto alla gogna”. La paura dello scandalo ha sortito il suo effetto sulla giovane che, destabilizzata da quella scoperta, ha accettato di incontrare il suo persecutore.

Lui è un uomo sulla sessantina, che ha poco o nulla da perdere e che per questa ragazza pare avesse perso invece completamente la testa.

L’unica chance per salvare faccia e matrimonio? Cedere al ricatto. E lei si sottomette. Firma anche un contratto dove pare fosse stato stabilito che il presunto stalker, dopo un certo numero di rapporti sessuali, si sarebbe impegnato a bruciare i nastri girati di nascosto e ad insaputa della giovane.

Dunque cominciano gli incontri con quell’uomo, che sono sofferti e travagliati. Fastidiosi e nauseanti.

Ma al secondo appuntamento, la 25enne crolla. Non ce la fa più, non tollera quelle mani, non regge il peso di quella che lei considera a tutti gli effetti una violenza e decide di correre dai carabinieri.

Denuncia i fatti e racconta tutto d’un fiato: all’inferno lo scandalo (chi è senza peccato scagli la prima pietra) e quanto al suo matrimonio meglio una moglie pentita che una moglie depressa e senza più rispetto per se stessa.

I carabinieri raccolgono la confessione che per alcuni aspetti ha finanche dell’incredibile, avviano indagini e verifiche. Controlli e ricerche.

Il sessantenne mostruosamente vizioso è formalmente indagato per stalking aggravato. Al momento è venuta meno l’altra accusa profilata all’inizio dell’inchiesta che era quella di violenza sessuale. Ad ottobre comparirà davanti al Gup.