Primo giorno di scuola: l’entusiasmo degli studenti, l’emozione dei genitori e l’impegno dei sindaci per la sicurezza

Nel primo giorno di scuola l'emozione di personale, alunni e genitori e il saluto dei sindaci con l'impegno a garantire la sicurezza negli edifici scolastici

Si torna a scuola. Lunedì 16 settembre alle 8 in punto è suonata di nuovo la campanella per tanti studenti molisani: c’è chi torna, chi comincia, chi si prepara a conoscere nuovi compagni e nuovi insegnanti con l’entusiasmo e la voglia di scoprire e conoscere, e poi ci sono loro, i genitori. Quelli che non hanno dormito, quelli che sono più emozionati dei figli, quelli che questa mattina, prestissimo, prima ancora di svegliare i pargoli e cominciare la lunga giornata, hanno postato sulle proprie bacheche facebook le foto di zaini pronti, grembiuli stesi sul divano, puliti, profumati e stirati, pronti per essere indossati. 

primo-giorno-di-scuola-termoli-158723

Poi finalmente a scuola, dove docenti, personale e presidi hanno preparato una piccola festa di accoglienza per i nuovi arrivati. Così nel cuore della città, in pieno centro cittadino, alla scuola primaria Principe di Piemonte i bimbi di prima elementare sono stati accolti da canti e palloncini bianchi, rossi e verdi. A ogni classe il suo, pronto a prendere il volo quando l’intero gruppo si prepara ad entrare e a dare ufficialmente il via a questa nuova avventura chiamata scuola elementare. E c’è qualcuno, tra i genitori, che mentre si allontana dal gruppetto, si asciuga le lacrime sul viso cantando una canzone a tema e mormorando tra se e se: “Si comincia, e speriamo bene“.

Poco più in là, alle spalle della scuola elementare, nel cortile della scuola media Bernacchia i ragazzi di prima media sono accolti dalla musica dei più grandi guidati dai docenti che hanno preparato per loro un ingresso a suon di musica e una accoglienza a cui hanno partecipato anche i loro genitori, nascosti in ultima fila e con l’orecchio teso ad ascoltare i docenti.

Ma il primo giorno di scuola non è solo per chi la scuola la vive da dentro e attivamente, è il primo giorno di scuola anche per i sindaci che tra le bacheche facebook e la presenza a scuola non hanno fatto mancare la loro vicinanza a chi varca ogni giorno gli edifici scolastici.

A Termoli il sindaco Francesco Roberti, per la prima volta non dalla parte di prof ma di primo cittadino, ha salutato i ragazzi delle medie nel centro augurando a loro, al personale e ai genitori un buon anno scolastico, come ha fatto l’assessore Silvana Ciciola coi bimbi della scuola elementare. A Campobasso invece il sindaco neo eletto Roberto Gravina si sarà alzato di buon ora, proprio come gli studenti, e ha iniziato a girare nelle varie scuole del capoluogo per salutare personalmente chi è già tra i banchi: prima al D’Ovidio, poi al Mario Pagano e ancora la Colozza, Montini, Jovine e Petrone accompagnato dall’assessore alla Pubblica Istruzione Luca Praitano.

gravina-a-scuola-158715

C’è anche chi, come il sindaco di Guglionesi Mario Bellotti, ha voluto salutare anche la nuova preside, Patrizia Ancora, neo dirigente delle scuole del paese, con un messaggio di auguri che ha voluto anche rimarcare l’impegno dei primi cittadini a garantire la sicurezza negli istituti scolastici. “Nelle scuole l’anno scolastico inizia anche con un auspicio alla sicurezza, la garanzia di continuare le prove di evacuazione che si sono intensificte notevolmente dopo il terremoto del 16 agosto 2018”. Da questo punto di vista, infatti, i sindaci sono direttamente responsabili e stanno perciò presenziando alle varie aperture proprio per rimarcare la necessità di avere scuole sicure.

Su facebook anche il Comune di Palata ha dedicato un pensiero a chi torna a scuola Il primo giorno è sempre l’inizio di una nuova avventura – si legge nella nota – è sempre un giorno speciale. Il primo giorno di scuola rappresenta un nuovo inizio, una nuova fase della vita, per questo auguriamo a tutti i bambini e ragazzi di vivere con impegno e dedizione questo nuovo anno che sta per iniziare, e auguriamo un buon lavoro ai maestri e ai professori affinché siano una guida e un riferimento durante il percorso scolastico. Buon anno scolastico a tutti”.