Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Potenza ed emozione per il secondo torneo Triathlon dell’Avis: Diego Boraschi sul gradino più alto fotogallery

Sono 190 gli iscritti, provenienti da tutta Italia, che hanno preso parte alla gara di Triathlon che oggi ha animato il Lungomare Cristoforo Colombo di Termoli.

Una soleggiata e calda, seppur ventosa, domenica ha salutato gli atleti che hanno preso parte alla seconda edizione del ‘Triathlon città di Termoli trofeo Avis’: il lungomare Cristoforo Colombo, in prossimità dello stabilimento balneare ‘Le Dune Beach’ è stato letteralmente preso d’assalto da 190 partecipanti provenienti da ogni parte d’Italia. Una gara adrenalinica, in cui potenza, emozione e stanchezza se la sono giocata ad armi pari: tre le prove a cui gli uomini e le donne, tra cui tanti giovanissimi, si sono sottoposti per cercare di portarsi a casa l’ambito riconoscimento.

seconda-edizione-del-triathlon-targato-avis-158253

Il primo scoglio, di tre, da superare è stato il nuoto in mare aperto: un triangolo, all’interno della scogliera artificiale antistante i lidi balneari, ha messo a dura prova gli atleti, incoraggiati da un pubblico allegro e combattivo che ha incitato i suoi campioni. Il vento non ha giocato a favore, almeno nel primo tratto, provocando onde alte che hanno reso le bracciate molto più difficili e facendo affaticare i partecipanti.

Terminata la prima prova di nuoto in questa edizione di triathlon, gli atleti non hanno avuto modo di riposare. Ad attenderli, infatti, c’era il circuito del ciclismo a bordo delle biciclette posizionate sulla pista ciclabile del Lungomare Nord: una batteria molto veloce, lunga 10 km e da ripetersi per tre volte, su un rettilineo asfaltato e con dislivello zero. E qui la forza fisica e la volontà d’animo si sono fatte sentire. Dopo la nuotata, infatti, diversi atleti si sono soffermati qualche secondo per riprendere fiato prima di salire sulle due ruote e pedalare, cercando di recuperare il tempo perso e tentando il tutto per tutto pur di accorciare la distanza dai concorrenti e dal podio.

Ultima, solo in ordine di percorso del triathlon, la prova di podismo multilap: 5 km di corsa, dopo due test abbastanza duri e con un sole che ha reso ancora più difficile la concentrazione. Scatti più o meno veloci hanno permesso agli atleti di tagliare l’ambito traguardo, dopo aver macinato diversi chilometri in acqua e sulla terra ferma, con grande sforzo fisico e mentale.

Il podio, però, è riservato solo ai primi tre tempi migliori della batteria di triathlon, seppure la vittoria sia di tutti i 190 partecipanti. Il primo posto è stato conquistato da Diego Boraschi che ha terminato le tre prove in meno di un’ora (con tempo 58.03). Un gradino più giù si è piazzato Giulio Pugliese con tempo 58.25. La medaglia di bronzo va, invece, a Jonathan Ciavattella con tempo 59.05 che, lo scorso anno, era salito sul gradino più alto. La prima donna a tagliare il traguardo è stata Lidia Principe.