Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Niente proroga contratto, a fine mese 10 vigili stagionali a casa. Il Comune: “Non ci sono soldi”

10 Agenti della Polizia Municipale, assunti a tempo determinato nello scorso agosto e inseriti in una graduatoria con validità triennale, il 30 settembre andranno a casa. Stavolta niente proroga del contratto perchè non ci sono soldi. Così però alcuni servizi per la città sono a rischio

Dieci Vigili urbani stagionali in servizio a Termoli dall’agosto 2018 a fine mese andranno a casa. Il loro contratto scadrà il 30 settembre e l’Amministrazione ha deciso che non ci sono soldi per ulteriori proroghe. Una doccia fredda per i 10 che, vincitori di un concorso che avrebbe dovuto garantire loro il posto di lavoro per 3 stagioni (graduatoria valida per tre anni), si ritrovano dopo poco più di un anno senza impiego.

Nella Delibera di Giunta del 30 novembre scorso, relativa al Piano triennale del fabbisogno del personale per gli anni 2019-2021, d’altronde era prevista l’assunzione di 10 agenti di Polizia Municipale motivata proprio dalla carenza di tale figura professionale e dalla sua necessità sul territorio.

Si tratta di Agenti della Polizia Locale che solitamente vengono assunti in via straordinaria per far fronte ai periodi di maggiore ‘frenesia’ come la stagione estiva e quella delle festività natalizie. La graduatoria in cui sono inseriti – a seguito della vittoria di un selezione pubblica bandita dal Comune di Termoli – ha sì validità triennale ma il loro lavoro è soggetto ad interruzioni. Ma dall’agosto 2018, salvo uno stop di due mesi a cavallo tra l’autunno e l’inverno, a suon di proroghe hanno lavorato in maniera continuativa. Fino al 30 settembre prossimo, la data “funesta” che segna il termine del loro incarico. Ma come è possibile? E perché?

L’ultima proroga risaliva al 25 maggio scorso (ultimi giorni dell’Amministrazione Sbrocca) e confermava il loro impiego fino alla fine dell’estate. Tutti loro però si aspettavano un’ulteriore proroga, ma così non è stato. L’Amministrazione Roberti li ha informati che non ci sono i soldi per fare proroghe e non ci sono possibilità di andare avanti proprio per mancanza di soldi stanziati in bilancio, almeno per ora.

Chiaro che si tratta di una fatto “molto grave perché, oltre ad esserci un sotto organico terribile al Comando di almeno 20 unità, l’attuale Amministrazione vuole mandare a casa le dieci unità a tempo determinato”. I dieci di cui sopra, appunto.

La città sicuramente ne risentirà dato che i Vigili stagionali di fatto espletavano servizi essenziali che ora difficilmente verranno svolti, stante la carenza di tale figura professionale. Davanti alle scuole potrebbe venire a mancare il personale per garantire la sicurezza dei bambini; sul fronte della viabilità mancherà personale su strada, “col rischio che la città diventi una giungla”; non ci sarà più nessuno a vigilare sulle deiezioni canine e in generale sull’osservanza di alcune basilari norme civiche. Insomma, un presidio importante per la sicurezza, l’ordine e il controllo del territorio. Funzioni che, con 10 vigili in meno, potrebbero essere compromesse.