Le rubriche di Primonumero.it - In Box

Gli ex consiglieri del Molise: In morte di Franco Cianci

Più informazioni su

Con profondo e sincero cordoglio l’Associazione degli ex Consiglieri Regionali del Molise saluta il socio Avv. Franco Cianci, che ha terminato la sua intensa e ammirevole esistenza.

Il suo nome richiama ed evoca la persona nota e stimata per lo stile, che portava nei suoi rapporti umani, sociali, professionali e politici.

Ancora giovanissimo – quando l’Italia repubblicana iniziava a risollevarsi dalle rovinose conseguenze del Secondo Dopoguerra – aderì con entusiasmo al Partito Liberale Italiano, conquistato dal fascino che su di lui esercitava il pensiero e la personalità di Benedetto Croce.

Lo aveva personalmente conosciuto e frequentato (come amava non senza emozione ricordare), per cui ambiva far conoscere e diffondere il pensiero liberale nella rinascente società democratica.

Pertanto fu co-fondatore nel Molise (non ancora  riconosciuto regione a sé) della Sezione del PLI nel Capoluogo, intitolata al Filosofo di Pescasseroli, maestro ed educatore in Napoli dei giovani universitari.

Nella campagna elettorale del 1952 si cimentò come candidato del PLI alla Camera dei Deputati e nel 1956 fu candidato eletto al Consiglio Comunale della Città di Termoli, con delega di assessore fino al 1962.

Rivolse particolare attenzione all’organizzazione del suo Partito, di cui fu voce e rappresentante a livello regionale dal 1970 al 1975 (gli anni dell’avvio del Molise regione distaccata dall’Abruzzo).

Data l’efficacia del lavoro svolto sul territorio fu chiamato alla Direzione Nazionale per gli anni 1980/81 e caricato della responsabilità dell’Ufficio degli Enti Locali del PLI per gli anni seguenti.

In Molise fu in sintonia e piena collaborazione con l’onorevole F. Colitto, al quale ha dedicato nel 2015 la pubblicazione (edita da IBC di Campobasso): “FRANCESCO COLITTO: storia di un grande liberale del Molise”

In rappresentanza dei liberali molisani – con la stima, l’esperienza, la competenza e la cultura di cui era portatore – si candidò nel 1975 (seconda legislatura) per la elezione del Consiglio Regionale.

Fu eletto e – anche dai banchi dell’opposizione, con lo stile che gli era proprio – contribuì, negli anni del suo mandato, quando il Molise doveva continuare a  strutturarsi come regione autonoma, a delineare ipotesi e proposte di organizzazione, di sviluppo e di crescita del territorio.

Dal 1978 al 1980 ricoprì la carica di Vice Presidente del Consiglio e la Regione trasse beneficio dalla scrupolosa sua attività politico-amministrativa.

Al termine del mandato, tornò all’attività forense, che esercitò ancora con maggiore intensità e successo degli anni precedenti, continuandola ininterrottamente fino a questi ultimi anni.

Per il taglio alto del suo profilo professionale, di studioso, di uomo di cultura e di cultore del diritto in tanti ricorrevano al suo patrocinio giuridico. Assisteva tutti con perizia particolare, affrontando anche problematiche socio-sanitarie come quelle inerenti i servizi ospedalieri di Agnone, sua città natale.

L’Ordine forense di Larino lo volle Consigliere per venti anni e anche Presidente dal 1990 al 1996 e – come tale – con merito e successo difese il locale Tribunale.

Al compimento del suo 50°anno di attività, l’Avvocatura Molisana gli ha conferito la Toga d’oro.

 

All’impegno e al lavoro professionale accostava quella di fine scrittore.

Amava seguire ed analizzare puntualmente, nei sodalizi  culturali ed umanitari di cui era socio e rappresentante, le vicende di maggiore coinvolgimento socio-politico. Riusciva a intelligere la logica degli eventi, cogliendo gli aspetti di preminete interesse per i riferimenti storici, ai quali attingeva nel fare le analisi e dare indicazioni e visioni prospettiche alla nostra attualità.

Averlo avuto nostro associato è motivo di orgoglio per gli ex Consiglieri Regionali del Molise! Pertanto, esterniamo – a futura memoria – ai familiari e alla comunità regionale la nostra gratitudine a Franco Cianci per la esemplare generosità con cui ha rappresentato e diretto di organi del sodalizio, finalizzandoli sia al perseguimento delle finalità statutarie che al bene del Molise.

In rappresentanza dell’Associazione e riportando la voce di tanti iscritti e Dirigenti, porgo ai figli e a tutti i familiari vive condoglianze per la sofferenza in questo giorno di dolore per il distacco dalla persona amata, ma rivolgo loro anche un pensiero di conforto, in quanto il luttuoso evento di oggi non cancella la storia, i valori e la meritoria esistenza di Franco Cianci!

La dissolvenza delle immagini non estende i suoi effetti alla vita di tutti gli uomini e non riesce a contaminare la vita di quelli virtuosi, che operano quotidianamente nella società, in essa lasciano segni della propria azione e dell’amore avuto per la famiglia, per il lavoro e per il bene comune!

Questo pensiero l’Associazione desidera manifestarlo ai familiari in questo giorno di dolore per la morte del loro amato Franco.

In futuro voi non avrete più la presenza fisica del vostro caro ma non mancherà quella morale e affettiva al vostro cuore, quando vi torneranno in mente le testimonianze della sua esistenza e degli esempi suoi praticati in vita.

Questo è il patrimonio autentico e imperituro, di cui vi fa dono. E’ l’eredità che Franco lascia a voi e noi che lo abbiamo avuto compagno di viaggio in tante circostanze.

Più informazioni su