Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Europa: eletti commissari nel nuovo esecutivo. Patriciello: “Ottima squadra, ora serve coraggio”

Sono stati assegnati i portafogli ai commissari del nuovo esecutivo targato Ue e guidato dalla Presidente eletta Ursula Von der Leyen. Tra loro c’è anche l’ex Presidente del Consiglio italiano Paolo Gentiloni che ha assunto la guida degli affari economici e monetari e collaborerà con Valdis Dombrovsk, ex primo ministro lettore ed attuale vicepresidente della Commissione europea per l’Euro, nominato vicepresidente esecutivo per l’Economia.

Il mandato, della durata di 5 anni, dal 2019 al 2024, trova il favore dell’europarlamentare del gruppo Ppe Aldo Patriciello che commenta favorevolmente il nuovo organico: “Le sfide che attendono l’Ue nei prossimi anni richiedono il massimo impegno e soprattutto un’Europa forte e coesa. È tempo di mettere da parte il tifo da stadio e di concentrarsi sul lavoro da fare”. Per l’eurodeputato azzurro, infatti, “la squadra dei nuovi commissari europei presentata dalla Presidente Ursula Von der Leyen, credo abbia tutti i requisiti per operare bene e per rilanciare l’azione politica europea con fermezza e decisione, a cominciare dalla gestione della Brexit, la revisione del Regolamento di Dublino e quella del Patto di stabilità. Una Commissione forte, coraggiosa, in grado di migliorare la qualità della vita dei cittadini europei è il presupposto indispensabile per il buon funzionamento dell’intera Unione Europea. Sono aspetti che approfondiremo nel dettaglio nel corso delle audizioni dei nuovi commissari in Parlamento”.

E parlando di rilancio e crescita dell’Europa, Patriciello fa un appello alla nuova commissione: “Mi auguro che la composizione variegata della prossima commissione non costituisca un freno ad agire ma, al contrario, la spinta giusta per portare avanti iniziative importanti in tema di lotta al cambiamento climatico, innovazione e ricerca, sviluppo industriale, contrasto alla disoccupazione giovanile ed altri settori di rilevanza cruciale per il futuro dell’Unione”.