Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Domenica di fuoco in Basso Molise: centralino 115 rovente, spunta l’ipotesi dolo

Basso Molise a ferro e fuoco: si può tranquillamente definire così questa domenica, 15 settembre, caratterizzata da un elevato numero di incendi che hanno colpito, a più riprese, diverse città della costa e dell’entroterra regionale. Le squadre dei Vigili del Fuoco di Termoli, con il supporto dei colleghi di Santa Croce di Magliano e di Campobasso, non hanno avuto un attimo di tregua a causa delle numerose telefonate sopraggiunte fin dalle primissime ore dell’alba.

A catturare l’attenzione del 115 sono stati numerosi incendi di sterpaglie: a prendere fuoco un terreno incolto a Termoli, dove le squadre del distaccamento di Pantano Basso sono riuscite a cavarsela egregiamente, con il supporto dei colleghi di Santa Croce. Le fiamme, infatti, sono state costantemente alimentate dal vento che si è alzato durante la mattinata, facendo estendere i focolai.

Verso le 13.30 una nuova chiamata al centralino dei caschi rossi ha messo in moto la macchina dei soccorsi per due incendi, molto estesi, che hanno colpito terreni ricchi di sterpaglie. Le fiamme si sono alzate, in contemporanea, sia ad Ururi dove sta attualmente bruciando una grossa porzione di erbacce, sia a Guardialfiera, con una situazione simile. Anche in questo caso sono intervenute le squadre da Santa Croce di Magliano e da Termoli.

Per fortuna l’abilità ed il sangue freddo dei Vigili del Fuoco hanno evitato il peggio, riuscendo a tenere sotto controllo i vari focolai che si sono accesi nella prima metà della giornata. E seppure si tratta di incendi registrati in luoghi lontani fra loro e ad orari differenti, spunta l’ipotesi del dolo, alimentata proprio dalla frequenza con cui questi incendi si verificano. Al momento, tuttavia, non c’è una conferma ufficiale.