Cittadini di San Felice del Molise in visita alla gemella croata Omiš foto

Due città diverse, situate in nazioni differenti, con un mare a dividerle ma unite dalle origini, dall’amicizia e dalla fratellanza: sono San Felice del Molise e Omiš, la ‘città dei pirati’, roccaforte industriale e, oggi, centro d’attrazione turistica della Croazia. Le due realtà sono gemellate dal 2004, da quando i rispettivi sindaci hanno firmato un accordo in grado di coinvolgere entrambe le cittadine, sia a livello scolastico che lavorativo e turistico.

Per festeggiare i 15 anni dall’avvio del gemellaggio, una folta delegazione di San Felice del Molise, unitamente ai suoi rappresentanti dell’amministrazione comunale, si è recata a Omiš per rafforzare i rapporti economici e sociali che le legano. Il viaggio è stato intrapreso il 25 settembre scorso quando 48 persone residenti nel borgo della provincia di Campobasso, assieme alle istituzioni, sono partiti con l’obiettivo di conoscere la città croata, i suoi cittadini e portare un pezzo di Molise oltremare.

Un programma breve, dal momento che si è svolto in soli 5 giorni, ma intenso dal punto di vista culturale ed enogastronomico: dopo il saluto del sindaco di Omiš, avvenuto il 26 settembre nell’albergo dove la delegazione dei sanfeliciani ha alloggiato, il giorno seguente i molisani hanno dato sfoggio del vero ‘Made in Molise’, allestendo una tavolata e cucinando piatti tipici ‘da leccarsi i baffi’. Prosciutto fatto in casa, formaggi, la pizza di San Giuseppe, il fiadone, i colaci: tutti piatti di eccezionale fattura che hanno stuzzicato le papille gustative dei croati.

Ad accompagnare il ricco banchetto, composto da salato e dolce, anche i vini delle Cantine Vizzarri e Cantine Cipressi. L’accoglienza molisana, si sa, è ricca e curata nei minimi dettagli e per l’occasione i sanfeliciani hanno offerto ai loro ‘gemelli’ una cena a base di prodotti tipici. L’evento culinario, tenutosi nella piazza principale, è stato un vero e proprio successo.

Il banchetto è stato ampiamente gradito, tanto da essere ripreso in diretta sia dai residenti di Omiš che dalle televisioni locali che non si sono lasciate sfuggire l’occasione di registrare la manualità dei sanfeliciani e le delizie molisane.

La cinque giorni dedicata al gemellaggio è stata coronata anche dalla visita guidata ad Omiš di ieri, sabato 28 settembre, capitanata da una guida che ha mostrato i lati più belli del borgo croato, raccontando storia, aneddoti e bollettini della città dei pirati. Ieri mattina, invece, il sindaco di Omiš ha salutato l’amministrazione ed i residenti di San Felice del Molise che, a breve, raggiungeranno Spalato per far rientro in patria, portando con loro un bagaglio di emozioni in più.