Chiedevano contributi per bimbi malati e intascavano i soldi, denunciati due uomini e una donna

Chiedevano soldi per bimbi malati di cancro ma era tutta una truffa, ora scoperta dai Carabinieri delle Stazioni di Bonefro e Colletorto che hanno denunciato tre persone, due uomini e una donna residenti a Napoli, responsabili di truffa in concorso, aggravata e continuata.

I tre si presentavano come volontari di un’associazione con sede in Campania e chiedevano contributi economici per aiutare bambini malati e ricoverati in reparti oncologici di varie strutture ospedaliere su tutto il territorio nazionale per poi intascare il denaro donato.

I falsi volontari partivano da Napoli per raccogliere fondi in molti paesi del basso Molise, con il logo dell’associazione (che di fatto esiste ma non ha autorizzato nessuno a raccogliere fondi), dépliant pubblicitari, tesserini di riconoscimento e false autorizzazioni.

Gli immediati accertamenti effettuati dai Carabinieri hanno permesso di verificare che le tre persone identificate non erano volontari dell’associazione che, in ogni caso, non aveva autorizzato nessuno a raccogliere fondi per suo conto.

Per questo i militari operanti hanno sequestrato 400 euro, raccolti fino a quel momento, oltre alle ricevute rilasciate, sul conto delle quali verranno fatti ulteriori accertamenti.

Le indagini vengono seguite dalla Procura della Repubblica di Larino, diretta dalla  dottoressa Isabella Ginefra.