Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Cane lasciato sul balcone sotto il sole, salvato dai Vigili del Fuoco. Denunciati i proprietari

È successo in via dei Pruni a Termoli dove un cagnolino è stato lasciato per alcuni giorni sul balcone, senza cibo né acqua. Sul posto sono intervenuti la Polizia Locale, un veterinario dell’Asrem ed i Vigili del Fuoco che hanno liberato l’animale dalla sua prigionia.

Era stato chiuso sul balcone, in un appartamento al primo piano in via dei Pruni, sotto il sole e durante le ore più calde di questa prima settimana di settembre, senza possibilità di far rientro in casa o di rifocillarsi. Lì, solo e sconsolato, da diversi giorni, il cane piangeva ed abbaiava in cerca di conforto e di cibo, sperando di attirare l’attenzione di qualcuno.

vigili-fuoco-salvano-cane-dal-balcone-158243

I suoi guaiti, per fortuna, hanno immediatamente attirato l’attenzione dei residenti della zona che hanno contattato le associazioni di volontariato a difesa degli animali Oipa e la sezione Leeida di Campobasso (che ringraziamo per il video) e le Forze dell’Ordine al fine di evitare al piccolo le sofferenze causate dalla carenza di cibo ed acqua e per salvargli la vita.

Le operazioni di salvataggio si sono svolte ieri, sabato 7 settembre, verso il tardo pomeriggio ed hanno impiegato diversi uomini. Oltre alla Polizia Locale, intervenuta per verificare la presenza del microchip, c’era anche il veterinario della Asrem che ha visitato il cucciolo di colore bianco. A liberare il cane dalla sua prigionia, però, sono stati i Vigili del Fuoco del distaccamento di Termoli: con l’ausilio di una scala, due operatori del 115 sono saliti sul balcone al primo piano e, dopo essersi avvicinati al cagnolino, l’hanno imbracato e calato giù.

Ad attenderlo, al piano terra, c’erano altri due pompieri ed i volontari: il cagnolino, visibilmente spaventato ma contento di non essere più su quel balcone, è stato immediatamente visitato e sembra star bene. La Polizia Locale ha riscontrato l’assenza di microchip. I proprietari, invece, sono stati denunciati, come da prassi, per aver violato l’articolo 727 del codice penale che cita: “Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività, è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da mille a 10mila euro”.