Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Allagamenti garage, braccio di ferro amministratore-condomini: “Ma quale pulizia, qui siamo nel degrado” fotogallery

È passata poco più di una settimana dal maltempo che ha colpito la costa e che ha creato problemi nel condominio ‘Maria Domenica’ di via Asia: a causa della pioggia, infatti, i garage si erano allagati causando non poche problematiche ai condomini, costretti a barcamenarsi tra la sporcizia e le acque meteoriche, come chiarito dal capo condomino in seguito, che aveva annunciato di aver preso provvedimenti a riguardo.

Abbiamo chiesto a diversi tecnici come poter fare per risolvere il problema – aveva aggiunto l’amministratore – E si sta vagliando una soluzione senza dover spendere un patrimonio” che aveva specificato come la problematica persistesse dal 2010, anno di costruzione dello stabile. Sebbene l’articolo di Primonumero.it avesse suscitato l’interesse del capo condomino, tanto da spingerlo a contattare la redazione per chiarire la vicenda, i residenti sono di avviso diverso.

In una recente lettera arrivata, correlata dalle foto che abbiamo pubblicato, evidenziano come la situazione non sia cambiata e, anzi, sembra essere addirittura peggiorata. Oltre alla pulizia dei box, fatta personalmente da ogni inquilino nella rispettiva proprietà nelle ore successive a quelle del problema, i corridoi delle autorimesse sono “nel degrado più totale – scrivono i residenti – Non è cambiato nulla. Nessun tipo di pulizia né ordinaria né straordinaria”.

A questo si aggiungerebbero le conseguenze causate dal recente allagamento, che si trascinano da allora: “Aloni che sanno di lercio ricoprono la corsia garage. Immondizia di ogni genere trasportata da acqua e vento – concludono – Griglie di deflusso stracolme di melma che emettono odori nauseabondi. Ma state tranquilli quella era solo acqua. Dal 2010 che siamo tranquilli. Intanto i garage si allagano. Puliamo a nostre spese e buttiamo roba ogni volta. I tecnici? Li stiamo cercando e prima o poi li scoveremo”.