Scoperta centrale dello spaccio per ragazzini in un appartamento di via Sicilia: la gestiva un 17enne

Il giovane è stato denunciato, mentre la Squadra Mobile ha sequestrato 4 grammi di hashish e altro materiale per confezionamento di dosi

Era diventato un po’ il luogo di ritrovo per consumare droga, oltre che per venderla. Ma la Squadra Mobile di Campobasso è riuscita a smantellare la centrale dello spaccio gestita da un diciassettenne campobassano in via Sicilia, nel capoluogo molisano.

Gli agenti hanno indagato in seguito alle segnalazioni ricevute al 113 che sottolineavano l’esistenza di un continuo viavai di ragazzi minorenni nella zona di un’abitazione nella quale un diciassettenne del posto, che abita lì con la madre e la sorella, secondo la ricostruzione della polizia si dedicava a pieno ritmo allo spaccio di stupefacenti sia in casa che nella zona del passaggio a livello di via San Giovanni e al terminal bus di Campobasso.

Dopo accurate verifiche la Squadra Mobile di Campobasso ha denunciato il minore per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti con l’aggravante di aver venduto la droga a minori identificati. A questi ultimi la polizia ha contestato l’ipotesi di detenzione per uso personale di droga.

Nella perquisizione effettuata nell’appartamento di via Sicilia gli agenti hanno recuperato 4 grammi di hashish, materiale per il confezionamento, un bilancino elettronico, un coltello intriso di una sostanza utile per dividere l’hashish in dosi.

Sequestrato anche denaro contante che presumibilmente deriva dallo spaccio di droga e altra droga probabilmente acquistato a debito da fornitori di livello superiore.

I poliziotti ritengono inoltre che la casa di via Sicilia potesse essere una sorta di centrale dello spaccio dove intere comitive di persone si trovavano per consumare droga, anche pesante, in gruppo.

Intanto prosegue anche nel periodo estivo l’operato della polizia per contrastare lo smercio di stupefacenti sia nelle abitazioni che nelle strade cittadine nell’ambito di quel progetto che segue la Direttiva del Ministero dell’Interno intitolato “Piazze di spaccio”.