Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

“Noi…artisti di questa terra”: musical e premi. Ad Alice Pasquini il riconoscimento dell’arte per il Cvtà Street Fest foto

A Montorio il 12 agosto torna con la 23esima edizione "Noi...artisti di questa terra" grazie all'impegno e alla direzione artistica del professor Antonio Molino

Si riempie nuovamente di colori Montorio per la 23esima edizione di “Noi… artisti di questa terra”, una delle manifestazioni più importanti del panorama artistico molisano, che valorizza il territorio e l’arte in tutte le sue sfaccettature. Oltre vent’anni di successi, durante i quali sono stati più di duemila gli artisti di fama nazionale e internazionale coinvolti grazie all’impegno e alla volontà del suo direttore artistico, il professor Antonio Molino che cura personalmente l’evento, patrocinato dalla Presidenza del Consiglio Regionale e dal Comune di Montorio nei Frentani.

Dopo la serata dello scorso anno dedicata ai cento anni dalla nascita di Josè Greco, il re del flamenco cui Montorio ha dato i natali, a cui hanno assistito anche persone da fuori regione, la “posta in gioco” quest’anno raggiunge note più classicheggianti, entrando nel mondo del teatro e della musica folk e jazz. E non mancheranno i premi che verranno assegnati durante la serata: il premio Cultura Giuridica al termolese Luigi Catelli, Presidente della Corte di Appello di Ancona; il premio Street Art all’artista Alice Pasquini, direttrice artistica del “CVTà Street Fest” di Civitacampomarano; il premio Musica per la Pace a don Elio Benedetto, cantautore e parroco di Palata; il premio artistico a Davide Pinto, antropologo e appassionato di mixologia; il premio sportivo alla campionessa mondiale di elecric boogie Elena Pellicciotti.

montorio

Tra gli ospiti, infatti, l’Accademia Internazionale del Musical, realtà affermata di formazione artistica per giovani talenti presente sul territorio nazionale da ben dieci anni. Presente in cinque tra le città più importanti d’Italia, Palermo, Catania, Roma, Pescara, Torino, lavora con la New York Film Academy di Broadway. La compagnia porterà in scena “Grease”, il musical di fama mondiale degli anni ’70 ideato da Jim Jacobs e Warren Casey, che ha ispirato il film omonimo campione di incassi diretto da Randal Kleiser, con John Travolta e Olivia Newton John.

noi artisti di questa terra

“Grease” non sarà però l’unico musical rappresentato: verrà proposta, infatti, l’opera musical “La Divina Commedia”. Lo spettacolo vedrà la regia di Andrea Ortis, direttore artistico che collabora all’allestimento di diverse rappresentazioni con compositori di fama nazionale, sia in forma concettuale, sia in versione teatrale e architetturale. In più, scrive testi per canzoni, biografie di personaggi storici come Michelangelo, Alessandro Magno, Van Gogh, storie contemporanee come “Destiny”, “Persone di tutto”, “Il Vajont di tutti…”, e cura la redazione di alcune sceneggiature cinematografiche come “Partita doppia”, “Vincere o morire”.

La scenografia è curata da Lara Carissimi, laureata in Scienze della Comunicazione e Marketing aziendale e specializzata in Design del Teatro e Scenografia. La donna si dedica totalmente alla passione per il teatro e collabora con i laboratori dei maggiori teatri italiani. Firma numerosi allestimenti, tra i quali la progettazione di oltre cento costumi di scena per il musical di Ouverture “La Bella e la Bestia”, quello per lo spettacolo teatrale “Il Vajont di tutti…” di Ortis e quello dello spettacolo “La locandiera” di Stefano Sabelli.

noi artisti di questa terra

Colui che interpreterà il ruolo principale – Dante – è Antonello Angiolillo, attore, ballerino e cantante. Ha studiato danza classica all’Accademia Nazionale di Roma e danza moderna, canto, recitazione e tip tap tra Italia e America. Tra i suoi lavori “Tutto fa… BrodWay” prodotto dal Sistina, “Company” di Stephen Sondheim, “Al Cavallino Bianco” – presentato al festival dell’Operetta di Trieste – con la regia di Gino Landi, “Maria di Nazareth, una storia che continua” in prima mondiale nella sala “Nervi” in Vaticano, “Poveri ma Belli” con la regia di Massimo Ranieri, “Mi chiamo Eva”, “La Bella e la Bestia” e “Footloose”.

noi artisti di questa terra

Ospite della manifestazione anche il violinista creativo di origini termolesi Luca Ciarla, che porterà al pubblico alcuni dei suoi brani. Laureato in violino nel 1993, porta a termine un dottorato in arti musicali dell’Università dell’Arizona, dove insegna per alcuni anni. Ha vinto vari concorsi in Italia e all’estero e nel ‘99 è stato premiato dalla prestigiosa organizzazione newyorkese Chamber Music America. Nel corso degli anni ha lavorato con artisti di fama mondiale, del calibro di Greg Cohen, Chris Jarrett, Daniele Sepe, Paola Turci e molti altri. Dopo aver registrato con varie etichette discografiche, fonda “Violipiano”, casa di produzione che si occupa prevalentemente della sua attività artistica. Da alcuni anni tiene master class incentrate sullo sviluppo creativo nel mondo degli archi.

Presente anche il collettivo folk rock molisano Riserva Moac, che in quindici anni di esperienza vanta un gran numero di concerti in Italia e in Europa, oltre che una lunga lista di riconoscimenti. Tra sonorità rock e miscele balcaniche e celtiche, la band nei suoi brani affronta diverse problematiche, come il cambiamento climatico e l’agonia del pianeta, provando anche a intercettarne possibili vie d’uscita. Alla base di tutto c’è la scelta di creare un sound basato principalmente sulla forza di strumenti acustici e strumenti provenienti da più parti del mondo.

noi artisti di questa terra

L’evento avrà luogo a Montorio, “… dove l’aria è più fresca”commentano gli organizzatori, lunedì 12 agosto a partire dalle 21:30, con biglietto di cortesia di 5 euro.

noi artisti di questa terra