Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

La scommessa delle Crypto: un futuro nuovo

Più informazioni su

Parlando di criptovalute bisogna fare una iniziale distinzione: da una parte, infatti, vi è il Bitcoin, dall’altra le cosiddette Altcoin. La relazione è un po’ come quella di madre e figli, ove la prima è già affermata e autonoma, mentre le altre non si sono ancora completamente staccate dal seno materno.

L’innovazione della prima, ancora non completamente esplorata dalla società contemporanea, è stata fatta propria dalle Altcoin e spinta ancor più avanti, verso nuove soglie di perfezionamento che promettono di rivoluzionare completamente ogni aspetto della vita quotidiana.

La rivoluzione del Bitcoin

Il Bitcoin fu creato nel 2009 da un anonimo che si è firmato come Satoshi Nakamoto. Si tratta della prima valuta interamente digitale e fondata su un sistema di crittografia, la Blockchain, che protegge i dati implicati in una transazione da ogni tentativo di hacking.

Il Bitcoin non si limita unicamente a proteggere i dati coinvolti in una transazione ma, essendo interamente digitale, ne velocizza di molto i processi e abbatte le spese di sicurezza e mantenimento. Inoltre, essendo una valuta digitale non centralizzata, alla quale possono partecipare tutti gli utenti che hanno a disposizione un computer, è esente dai rischi legati al monopolio.

La fortuna del Bitcoin è ancora totalmente in divenire: il suo riconoscimento ufficiale è appena iniziato e solo in alcune nazioni, come ad esempio il Giappone, il suo utilizzo si sta progressivamente sostituendo a quello della valuta cartacea.

Le Altcoin: la rivoluzione si reinventa

Le Altcoin, create pochi anni dopo la comparsa del Bitcoin, sono criptovalute di seconda generazione, che raccolgono i principi alla base della “madre” (anonimato, blockchain, decentralizzazione) e settorializzano l’offerta.

Il principio alla base di ogni singola Altcoin è l’applicabilità mirata ad un settore specifico: il Ripple (XRP), ad esempio, è una Altcoin pensata specificamente per gli istituti finanziari, permettendo di velocizzare tutti i processi di transazioni finanziarie, trasferimento di denaro e ausiliario delle transazioni già esistenti. Il Ripple, in particolar modo, migliora gli aspetti del Bitcoin che potevano rivelarsi utili per le banche presentandosi come una criptovaluta economicamente più forte.

Un altro esempio è l’Ethereum che, come il Ripple, migliora alcune caratteristiche del Bitcoin, prestandosi maggiormente all’impiego da parte di enti burocratici. L’Ethereum, infatti va a velocizzare e rendere più sicure tutte le stesure contrattuali necessarie a completare alcuni tipi di transazioni, permettendo agli enti burocratici di abbattere tempi e costi dei servizi.

Oltre a Ripple ed Ethereum vi sono innumerevoli criptovalute: crearne una non è complesso come può sembrare e anche aziende private possono lanciare la propria criptovaluta personalizzata. Un esempio tra i tanti è Facebook, che a breve lancerà Lira, una Altcoin pensata esclusivamente per ottimizzare il funzionamento delle sue piattaforme.

Come investire sulle criptovalute

Investire sulle criptovalute è una scelta che stanno compiendo sempre più traders: non soltanto Bitcoin, il cui valore è ormai elevato, ma anche e soprattutto le Altcoin. Se vuoi sapere come fare, ti consigliamo di rivolgerti a criptovalute, da sempre il canale informativo dei maggiori investitori italiani in valute digitali.

A muovere le scelte degli investitori è il principio di funzionalità alla base delle criptovalute di seconda generazione: presentandosi attualmente con quotazioni molto basse (spesso non superiori al dollaro), infatti, esse hanno un’elevatissima probabilità di vedere una radicale diffusione presso gli enti che andrebbero ad avvantaggiare.

Non appena, infatti, una criptovaluta si afferma sul mercato, il suo prezzo lievita notevolmente: così è stato per il Bitcoin e così sarà anche per le Altcoin. Chiedersi se le Altcoin vedranno una diffusione o meno è completamente inutile: il mondo degli investitori non è in attesa di un “se”, ma di un “quando”, e nel frattempo sfruttano al meglio le leggere oscillazioni di mercato per rifornire il proprio portafoglio delle principali e più promettenti criptovalute presenti sul mercato.

Più informazioni su