Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

La pioggia non ferma la sagra del pesce. Incognita meteo sul gran finale con frittura e fuochi d’artificio

Pre-sagra del pesce a Termoli bagnata. Il meteo pare non concedere tregua alla manifestazione, giunta alla 62esima edizione, ma a cui in tanti – nonostante questo – scelgono di non rinunciare. Ma il tempo non clemente sicuramente ha scoraggiato molti dal recarsi al porto.

Ieri, 23 agosto, si è tenuta la seconda serata della tradizionale sagra termolese. Menu ricco: pasta con sugo di cicale e totanetti con piselli. A disturbare l’evento una leggera pioggia che ha costretto i presenti a tirare fuori gli ombrelli. Un peccato perché l’evento si sorregge su un lavoro preparatorio non da poco. La pesca prima, la pulitura del pesce poi e infine la preparazione dei piatti cui contribuiscono tante donne termolesi.

Ieri alle 19 c’è stato un momento celebrativo per un armatore che ha fatto grande la Marineria di Termoli. È stata infatti apposta una targa – nei pressi del mercato ittico – in onore di Arnaldo Mascilongo. Presenti tra gli altri,  la moglie del compianto armatore, il poeta dialettale termolese Salvatore Di Pardo e, per il Comune di  Termoli, il vice sindaco Vincenzo Ferrazzano e l’assessore Michele Barile.

targa ad arnaldo mascilongo

Dopo le 20 si è dato il via ai banchetti e alle ‘danze’. Ad allietare la serata c’è stato, infatti, il Trio Vivo canta Dalla, che si è esibito sul palco allestito nel piazzale del Porto.

La sagra vera e propria è stasera, sabato 24 agosto, e l’attesa è tanta. Il menu prevede la tipica frittura di paranza dell’Adriatico e l’appuntamento riscuote da sempre un incredibile successo. A preoccupare è il meteo – ancora una volta – che potrebbe guastare i piani degli organizzatori e dei tanti che desiderano partecipare alla manifestazione. Anche perché alle 24 ci sarà lo spettacolo dei fuochi pirotecnici, gli ultimi dell’estate.