Il fascino d’altri tempi del cantastorie rapisce bambini e adulti. Largo Tornola grande teatro per l’Aut Aut fotogallery

Una serata incantevole per grandi e piccini con l'attore Andrea Calabretta, ospite a Termoli dell'Aut Aut Festival con il suo spettacolo 'Storie all'improvvisa'

Una serata colma di emozioni per bambini e adulti per il grande ritorno dell’Aut Aut Festival a Termoli. Protagonista l’attore Andrea Calabretta che ha stupefatto tutti con la sua arte.

Portando per mano i presenti in uno straordinario viaggio nel fantastico mondo delle fiabe, rielaborate con brio dall’estro dell’autore, Calabretta è riuscito non solo a meravigliare i più piccoli ma anche a divertire i grandi. Mamme e papà, nonni ma anche tanti curiosi hanno assistito con entusiasmo allo spettacolo oltre che alla gioia impressa sul volto dei bambini.

Perchè ieri, 27 agosto, i protagonisti sono stati anche loro, i bambini. Con il loro sguardo affascinato dalle mirabilie del cantastorie che era lì per loro, sono stati uno spettacolo nello spettacolo. Calabretta ha saputo coinvolgerli attivamente in una rappresentazione che è risultata in fin dei conti ‘corale’. Nessuna sedia, solo un grande tappeto nero dove hanno trovato posto i bambini, comodamente adagiati su colorati cuscini.

Calabretta, attore e autore di spessore nonchè direttore del Teatro Verde di Roma, ha letteralmente incantato il pubblico riportando a Termoli la tradizione dei cantastorie: filastrocche, racconti, stornelli accompagnati dal suono della chitarra, nella rivisitazione di fiabe antiche e moderne.

Dalla celeberrima Principessa sul pisello allo stravagante racconto del diluvio universale fino ad un’irresistibile riproposizione della storia di Cappuccetto rosso in versione poliglotta, le risate non sono mai mancate, accompagnate dallo stupore per un tipo di intrattenimento a cui tutti noi ci siamo un po’ disabituati.

Andrea Calabretta, eccellente interprete della antica tradizione popolare del ‘cantare storie’ e del racconto orale itinerante, ha catalizzato l’attenzione di tutti con le sue fiabe, i suoi pupazzetti, le sue esilaranti smorfie e la sua voce cangiante. La sua è un’arte ormai desueta ma che non perde mai il suo fascino e il successo della serata di ieri è lì a testimoniarlo.

aut-aut-termoli-largo-tornola-157579

Infine, altro protagonista è stato Largo Tornola, un meraviglioso scrigno nel cuore del Borgo antico che, per la sua dimensione raccolta, ha contribuito alla suggestiva serata. Un evento riuscitissimo che, pur nella diversità dei contenuti, si inserisce appieno nella vocazione dell’Aut Aut Festival. “Siamo felici – ha commentato la curatrice del festival, Valentina Fauzia – che il concetto di qualità legata agli autori selezionati per questa quinta edizione stia incontrando sempre, ad ogni tappa, il consenso del pubblico che ormai ci segue con fiducia ed entusiasmo. È fondamentale pensare anche ai bambini e alle nuove generazioni e creare per loro un’offerta culturale diversa, di qualità, come il Teatro adatto a loro“.

Per chi se lo fosse perso, lo spettacolo di Andrea Calabretta sarà replicato il 7 settembre a Montecilfone.