Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Girava con 11 grammi di cocaina da spacciare ai sammartinesi: 41enne arrestato

Aveva con sè 21 dosi di cocaina, per un valore commerciale sul mercato illegale pari a mille euro. Il 41enne di San Martino è stato arrestato con l'accusa di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente

L’attività illecita dello spaccio di droga, soprattutto cocaina che costituisce la sostanza più richiesta e anche più redditizia sul mercato, è un fenomeno che nell’ultimo periodo si è diffuso spaventosamente sul territorio molisano. Non fa eccezione nessuno. Ma le Forze dell’Ordine, su disposizione delle Procure della Repubblica, sono particolarmente attente e controllano, attraverso le stazioni dei Carabinieri dei singoli comuni, personaggi e movimenti.

Grazie a questa attività di controllo e contrasto al reato dello spaccio, un uomo di 41 anni è stato arrestato a San Martino in Pensilis. Girava con 11 grammi di cocaina tra le tasche e l’autovettura, pronte per la vendita, come hanno accertato i militari dell’arma nel momento in cui, giovedì pomeriggio, lo hanno fermato e perquisito.

I Carabinieri del Comando provinciale del Nucleo investigativo di Campobasso, con i colleghi della Stazione di San Martino in Pensilis, si sono avvicinati al quarantunenne che aspettava evidentemente qualche cliente in una piazza del paese. Agitato, fin troppo, ha ulteriormente insospettito gli uomini in divisa che lo hanno portato in caserma sottoponendolo a una perquisizione personale. In una scatoletta infilata nella tasca dei pantaloni hanno scoperto 19 involucri contenenti cocaina. Il tipico confezionamento con l’estremità termosaldata che indica la polvere bianca che, soprattutto in questo periodo estivo, ha un mercato trasversale e che in larga prevalenza arriva dalla Puglia per essere affidata a pusher locali.

Come nel caso dell’uomo in questione, che non solo vendeva droga ma la tagliava anche, aumentando in maniera esponenziale il margine di guadagno grazie al mannitolo. Una sostanza scoperta nella sua abitazione sempre dai carabinieri durante la successiva perquisizione, che ha fatto saltare fuori anche bustine di plastica adatte al confezionamento e 25 grammi di sostanza da taglio. Altre due dosi di cocaina, in aggiunta ai 19 involucri che aveva addosso, sono state trovate in un pacchetto di sigarette vuote nell’auto di sua proprietà. In totale 11 grammi, per un valore sul mercato illegale degli stupefacenti superiore a mille euro.

L’accusa che è scattata è quella di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e con questa ipotesi di reato il 41enne è stato arrestato su disposizione del Procuratore della Repubblica di Larino Isabella Ginefra, che coordina le indagini. Ieri mattina, venerdì 9 agosto, il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Larino ha convalidato l’arresto ma non ha disposto il carcere, bensì solo la misura cautelare dell’obbligo di presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria. Intanto la cocaina è stata affidata al laboratorio analisi del comando provinciale Carabinieri di Foggia per accertare quante dosi esattamente se ne sarebbero ricavate e il grado di purezza della sostanza.