Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Centro e periferie invasi dalle zanzare. Mai così tante punture, “fate la disinfestazione”

Numerose le lamentele dei cittadini a causa della proliferazione dei fastidiosi insetti favorita dal caldo anomalo che continua a interessare il Molise anche in questa fine di agosto.

Sarà colpa del clima caldo e afoso che sta caratterizzando anche la fine di agosto. O sarà perchè non ci sono rondini e pure di pipistrelli non se ne vedono granché.

Ad ogni modo probabilmente mai come in questa estate le zanzare si stanno rivelando una fastidiosa compagnia. Nel migliore dei casi costituiscono un disturbo al riposo notturno, in altri casi sono un rischio per la salute, in particolare per chi è allergico: i morsi delle zanzare provocano gonfiori più o meno estesi nella parte interessata. In alcuni casi, è necessario ricorrere al cortisone. E poi, si ricorderà, un paio di anni fa anche il Molise venne inserito nel piano nazionale di contrasto alla zanzara tigre. Mentre lo scorso anno una anziana donna finì in Rianimazione dopo aver contratto la febbre del Nilo. 

Insomma, il problema non è da sottovalutare. Se è facile trovare ‘riparo’ in casa, utilizzando zanzariere per ‘sbarrare’ porte e finestre, il caso è diverso quando si esce. E spesso a Campobasso fare una passeggiata diventa una ‘guerra’ contro le zanzare che vengono attirate dai ristagni di acqua, dalla vegetazione incolta e dagli avanzi di cibo. In centro o in periferia, la situazione non cambia: Vazzieri, via Monsignor Bologna o anche al Cep. Sono tantissimi i cittadini che lamentano i disagi derivanti dalle punture e chiedono un intervento urgente all’amministrazione comunale: “E’ necessario procedere con la disinfestazione”. 

L’ultima operazione in tal senso è stata programmata e svolta dall’amministrazione di palazzo San Giorgio agli inizi di agosto (il 2 e il 3, ndr) e probabilmente non è stata sufficiente. Sicuramente non sufficiente a coprire la proliferazione degli insetti in questi ultimi giorni di agosto.

Oppure bisogna incrociare le dita e aspettare che la pioggia e l’abbassamento delle temperature previsti dagli esperti del meteo allontanino le fastidiose zanzare.