Bomba d’acqua sulla città. Danni al cimitero: cappelle allagate e pavimentazione crollata

La parte più nuova del camposanto di via San Giovanni messa in ginocchio dal violento nubifragio che si è abbattuto nel pomeriggio su Campobasso. Cittadini inviperiti e preoccupati per i danni ai loculi. Ma il maltempo ha provocato disagi in diverse zone del capoluogo.

La bomba d’acqua che questo pomeriggio – 30 agosto – si è abbattuta su Campobasso per il cimitero è stata devastante: cappelle inondate da fiumi di acqua, pavimentazione franata e mattonelle divelte dalla furia del vento e della pioggia. Un cumulo di fango e detriti. Insomma un disastro. Il tutto nella parte nuova del camposanto di via San Giovanni, costruita solo una decina di anni fa ma che già mostra i primi segni di deterioramento. Il che rende ancora più incredibile e sconcertante quanto avvenuto.

L’ondata di maltempo che ha interessato il capoluogo ha peggiorato una situazione probabilmente già precaria. E le fotografie che vi mostriamo testimoniano chiaramente i danni provocati proprio dopo il nubifragio che si è abbattuto intorno alle 17.30.

cimitero Campobasso danni

La situazione più critica in viale dei Lillà: le cappelle cimiteriali che ospitano le tombe dei defunti si sono allagate probabilmente a causa dell’impossibilità dell’acqua di defluire nei tombini ostruiti dal fango e dai detriti.

E ancora: cassonetti rovesciati, mattonelle spezzate, pavimentazione crollata.

cimitero Campobasso danni
cimitero Campobasso danni

Chi in quel momento era al camposanto è rimasto bloccato e ha assistito impotente ai fiori spazzati via dai vasi sistemati sulle tombe dei defunti e ai fiumi di acqua di inondavano le aree dove sono sistemati i loculi. E soprattutto non ha nascosto la rabbia e la preoccupazione per eventuali infiltrazioni all’interno delle lapidi, oltre al dispiacere di vedere i danni provocati dal maltempo nel luogo del riposo eterno.

Il nubifragio di questo pomeriggio inoltre potrebbe aver aggravato i danni nella parte più antica, dove poco tempo fa l’amministrazione ha ordinato i lavori per riparare le coperture ammalorate.

Le violente precipitazioni di questo pomeriggio hanno comunque causato non pochi disagi nel capoluogo: nessuna grave criticità, anche se l’intervento dei Vigili del fuoco del Comando provinciale si è reso necessario in diverse zone per riportare la situazione alla normalità.

In via De Gasperi come in via Lazio, ad esempio, i pompieri sono stati allertati per limitare i danni provocati dalla caduta di alcuni calcinacci. E non sono mancati – come spesso capita in circostanze del genere – neppure gli allagamenti, anche se tutti di modesta entità. Problemi sono stati segnalati anche in via Crispi e in via IV Novembre.

Con il trascorrere delle ore, anche grazie al termine dell’intenso temporale, l’allerta è gradualmente rientrata.