Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Antiche cantine e prodotti tipici: a Montagano il ‘viaggio’ tra i sapori diventa accoglienza fotogallery

Nella notte di San Lorenzo, centinaia le presenze per l’ottava edizione di “InCantiniamoci – Festa del Vino”. Un percorso di degustazione e scoperta dei prodotti e dei luoghi che rendono unico il Molise. Cantine nuove per l’edizione di quest’anno caratterizzata da uno spiccato senso di condivisione con turisti e corregionali.

“Biancorosso è il colore che amo, biancorosso è tutto per me, non son di Roma non son di Milano, sono montaganese”. Un campanilismo positivo. Di quelli che non allontana la gente, ma la integra. In questo caso il coro diventa partecipazione e succede a Montagano. Ieri sera – 10 agosto – piazza e strade animate per l’ottava edizione di “InCantiniamoci – Festa del Vino”.

incantiniamoci-a-montagano-156442

Un percorso degustativo alla scoperta dei vini molisani – rigorosamente in bottiglia, – abbinati ai piatti tipici montaganesi. Sauvignon Doc Lame del Sorbo dell’azienda agricola Vinica accompagnato a cotiche e fagioli, Sangiovese Igt Terre degli Osci delle Cantine Borgo di Colloredo abbinato a pizza e minestra, Cabarnet Sauvignon Igt Terre degli Osci Cantine Tenimenti Grieco abbinato a salsiccia e peperoni, Tintilia del Molise Doc Cantine Catabbo abbinato a formaggi locali e frutta, Passito Bianco Igt Cantine Angelo D’Uva abbinato a cantucci artigianali prodotti dalla Pasticceria e Caffetteria Ambrosia.

incantiniamoci-a-montagano-156441

Una manifestazione – a cura della Pro Loco di Montagano – che ha coinvolto i cittadini e i volontari sempre in prima fila per rendere il proprio paese accogliente e degno di nota. Cinque le cantine allestite per l’edizione di quest’anno con utensili, botti ed ornamenti legati alle usanze antiche e alla vendemmia. Ad allietare il percorso lungo le vie del paese, “I Recucce” di Petrella Tifernina, seguiti a fine serata dal dj set “The Guardian”.

incantiniamoci-a-montagano-156439

 

Evidente il contributo degli organizzatori, ma soprattutto dei giovani che hanno portato nel paesino alle porte di Campobasso, turisti di fuori regione e molisani, contribuendo, nel piccolo, alla valorizzazione del nostro territorio. Il turismo si potenzia anche con queste piccole manifestazioni da mettere in rete per fare del sentimento di spendersi per le proprie radici, una potenzialità da usare per rimettere in moto il nostro Molise ma ancora poco sfruttata.

NG