Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Ancora un guasto al Liscione, 4 Comuni in crisi idrica: acqua dimezzata o chiusa per migliaia di persone

Non si conoscono i tempi di regolarizzazione del problema idrico che vede una riduzione del flusso del 50% a Guglionesi, Petacciato, Montenero e san Giacomo degli Schiavoni. La comunicazione di Molise Acque nella tarda mattinata di oggi. La pompa di sollevamento di Guglionesi è rotta, e non ci sono ancora tempi certi sulla riparazione del guasto. Problemi in contrade e centri abitati

La mancanza di una data e di un orario, anche approssimativo, in cui il flusso idrico ai Comuni tornerà regolare, sta mettendo in grossa difficoltà la gestione nei quattro paesi del basso Molise in cui da questa mattina Molise Acque ha ridotto l’erogazione di acqua della metà a causa dell’ennesimo guasto in questa estate di disagi e di continue rotture agli impianti del Liscione.

Stavolta la causa è la rottura dell’elettropompa installata nell’impianto di sollevamento di Guglionesi. La comunicazione di Molise Acque, che gestisce il servizio idrico in regione, è arrivata nella tarda mattinata di oggi ai Comuni di Guglionesi, Petacciato, Montenero di Bisaccia e San Giacomo degli Schiavoni. Accompagnata dall’invito ad “adottare i necessari provvedimenti” a garanzia della popolazione, visto che il flusso è già stato ridotto della metà. Una riduzione che se dovesse proseguire comporterà, nelle prossime ore, anche la chiusura dei rubinetti per consentire ai serbatoi comunali di potersi rialzare di livello.

Il problema è notorio, e quando capita in piena estate e con temperature elevate come quelle di questi giorni diventa una vera e propria emergenza. Nelle campagne di Guglionesi e in diverse contrade rurali bassomolisane rifornite grazie all’azione dell’elettropompa che ha subito l’ennesimo guasto, l’acqua manca già da stamattina.

I tecnici di Molise Acque sono al lavoro per capire il motivo del guasto e operare una riparazione nel più breve tempo possibile. Il problema è che i tempi non si conoscono. Secondo logica, il problema potrebbe essere risolto nel giro di un giorno circa, quindi entro domani pomeriggio.

La speranza è che avvenga prima, ma non è dato saperlo ed è proprio questo che sta mandando in confusione i Comuni, i quali in queste ore fanno fronte alla rabbia dei cittadini, decine di migliaia di persone fra residenti e turisti che stanno vivendo ore di forti disagi.

Nei municipi piovono le telefonate di protesta. I sindaci hanno appreso del disagio direttamente da Molise acque con la nota faxata e inviata tramite WhatsApp, e stanno provvedendo in queste ore a valutare l’entità del danno.

Ma il grosso problema di non conoscere i tempi di riparazione li lascia nel limbo e nella difficoltà di dover decidere ‘alla cieca’ se chiudere o no i flussi nelle case nelle prossime ore, specie di notte. Tutto dipende dal ripristino del servizio nella piena potenzialità dell’impianto.

In alcune zone, specie a Montenero di Bisaccia e a Guglionesi, il flusso ha registrato un dimezzamento che potrebbe trasformarsi, entro stanotte, in una sospensione totale.

Lo conferma anche una nota del Comune di Guglionesi: “nelle prossime ore, potrebbe essere sospesa l’erogazione dell’acqua sia nelle varie contrade, che nel centro abitato per permettere ai serbatoi comunali di riempirsi”.

Emergenza che si somma a quelle vissute in abbondanza nelle scorse settimane, specialmente nel comune di Montenero di Bisaccia, dove le rotture della condotta sono all’ordine del giorno e spessissimo, durante le ore notturne, occorre chiudere il serbatoio.