Primo scossone nel Campobasso calcio: lascia il dg Polcino. “La nuova proprietà ha bloccato tutto”

Divergenze di programmazine alla base del divorzio con il dirigente che approda a Benevento e oggi pomeriggio (17 luglio) ha incontrato la stampa. Continua il silenzio di Antonio Minadeo che sembra essere stato 'scaricato' dal sodalizio guidato da Gesuè. La società intanto ha ingaggiato l'attaccante Daniel Gianpaolo.

L’ormai ex direttore generale del Campobasso Calcio, Filippo Polcino, spiega in conferenza stampa i motivi del divorzio dai rossoblù.

filippo polcino Campobasso calcio

Alla base della frattura, ora ufficiale, divergenze sulla programmazione societaria con la nuova proprietà. L’ago della bilancia, stando alle parole del dirigente, il mancato sodalizio con il Benevento di Vigorito, sfumato dopo un’intesa che pareva essere in dirittura d’arrivo: “Avevo stretto un accordo di collaborazione col presidente del Benevento, Oreste Vigorito, ma la nuova proprietà lo ha bloccato”, ha spiegato ai giornalisti convocati oggi pomeriggio (17 luglio) al Centrum Palace.

Polcino assicura: “Il tempo sarà galantuomo. Io non andrò a Foggia, avrei voluto rimanere qui a Campobasso e avevo già comunicato la mia scelta alla società. Grazie a questa città e ai suoi tifosi, spero sia soltanto un arrivederci”.

Continua invece il silenzio di Antonio Minadeo, storico capitano rossoblù e l’anno scorso vice allenatore di Mandragola e Bagatti. Anche lui sembra non rientrare nel progetti del sodalizio guidato da Gesuè che nel pomeriggio ha ufficializzato l’acquisto di un nuovo calciatore, Daniel Giampaolo.

daniel-giampaolo-campobasso-calcio-154516

Nato a Tivoli nel 1995 nella sua carriera ha collezionato 95 presenze e 35 gol in Serie D. Giulianova, Anzio, San Nicolò e Vastese i club che lo hanno visto protagonista. Centravanti poliedrico ha giocato sia nel ruolo di mezza punta che di ala (destra e sinistra) ed è pronto a seguire gli ordini di mister Cudini. “Non vedo l’ora di iniziare – le sue prime parole da calciatore rossoblù – sono arrivato qui anche per rilanciarmi dopo il piccolo infortunio della scorsa stagione. Scegliere Campobasso, con il tifo che ha, è stato semplice”.