Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Possibile autopsia su 18enne morta dopo lo schianto. Conducente indagato per omicidio stradale

La Procura potrebbe decidere nelle prossime ore di effettuare l'esame autoptico sul corpo della giovanissima morta otto giorni dopo l'incidente sulla statale 87. Bonefro è sotto shock: amici e parenti si sono stretti attorno ai genitori e ai fratelli di Domenica, mentre nel giorno dei funerali sarà lutto cittadino.

E’ stato aperto un fascicolo sulla morte di Domenica Marchetti, la ragazzina di Bonefro unica vittima dell’incidente avvenuto all’alba di Corpus Domini sulla statale 87, all’altezza del bivio di Matrice. La salma della 18enne si trova ancora nell’obitorio al Cardarelli di Campobasso, ospedale in cui è stata trasferita dopo lo schianto contro un albero e dopo i soccorsi dell’ambulanza del 118 e dei vigili del fuoco.

Le sue condizioni erano apparse subito molto critiche al personale sanitario dopo che i vigili del fuoco l’avevano estratta dall’abitacolo della macchina, ridotta ad un groviglio di lamiere.

Sottoposta ad un intervento chirurgico molto delicato, la ragazza è stata ricoverata per otto giorni nel reparto di Rianimazione. Qui i medici hanno fatto di tutto per strapparla alla morte fino al tragico epilogo di oggi (2 luglio).

A breve, sulla base delle indagini svolte dai Carabinieri, la Procura potrebbe decidere di disporre l’autopsia, una decisione che sarà presa anche sulla base dei risultati dell’alcoltest e del drugtest a cui è stato sottoposto il conducente della vettura, un ventenne di Ripabottoni. La posizione del ragazzo si è ovviamente aggravata dopo la morte di Domenica: potrebbe rispondere del reato di omicidio stradale.

L’auto su cui la comitiva di amici viaggiava è uscita fuori strada quasi inspiegabilmente, in un punto quasi pianeggiante della carreggiata sprovvista di guardrail. Un colpo di sonno o una distrazione: potrebbero essere stata la causa del drammatico incidente.

Intanto Bonefro è un paese sotto shock, sconvolto e incredulo dalla morte della ragazza che si stava affacciando ora alla vita e che quella sera era venuta a Campobasso per divertirsi come tanti giovani a quell’età. Tutti conoscevano Domenica, una ragazza dal sorriso dolce e con i lunghi capelli nero corvino, spensierata e piena di sogni da realizzare.

Frequentava il liceo classico ‘Perrotta’ di Termoli. Gli amici di scuola, i ragazzi del paese e i parenti si sono stretti attorno ai genitori e ai fratelli, hanno pregato per lei in questi lunghi otto giorni, prima che il suo cuore smettesse definitivamente di battere.

Nel giorno del suo funerale sarà lutto cittadino per volontà del sindaco Nicola Montagano.