Nuovi presidi, tutti i nomi e i trasferimenti. 14 scuole sono senza dirigente nell’attesa del concorso foto

Pubblicato il documento con cui l'Ufficio Scolastico Regionale del Molise ha assegnato i nuovi incarichi di dirigenza scolastica: conferme, cambiamenti e nuovi incarichi. Ma 14 scuole sono "vuote", bisognerà attendere la fine del concorso per la graduatoria nazionale

Il documento con la mobilità dei dirigenti scolastici è stato pubblicato e da oggi, lunedì 15 luglio, i nomi dei nuovi dirigenti scolastici stabiliti dall’Ufficio Scolastico Regionale del Molise sono pubblici. Per alcuni si tratta di conferme, per altri di cambiamenti e spostamenti. Per altri ancora di nuovi incarichi.

I nomi dei nuovi dirigenti scolastici arrivano dopo la conclusione della fase relativa ai trasferimenti e dopo che il consiglio di Stato nella giornata di venerdì 12 luglio aveva annullato la sospensiva con cui si voleva cancellare il concorso per i presidi svolto nei mesi scorsi. Se con la conclusione della fase dei trasferimenti, tra cui quelli interprovinciali che prevedono spostamenti anche tra diverse regioni, è stato possibile costruire il nuovo assetto scolastico, dall’altra parte bisognerà attendere la conclusione delle fasi concorsuali per portare a termine l’assegnazione delle scuole ai dirigenti.

In alcuni casi si tratta di nuovi incarichi nati dopo il pensionamento di alcuni presidi, in altri invece di nuove assegnazioni dovute alla riorganizzazione scolastica che interessa in particolare il territorio di Termoli. Nella città adriatica hanno lasciato i loro incarichi per la meritata pensione la preside delle scuole medie Bernacchia-Brigida Matilde Tartaglia, il preside del Secondo Circolo Didattico Annibale Rocco, la preside dell’Istituto Commerciale e per Geometri e Nautico Boccardi – Tiberio Ida Iuliani a capo della scuola di via De Gasperi dal 2012; con loro nel territorio circostante anche la preside della scuola elementare Dewey di San Martino, Portocannone e Ururi Cristina Acciaro e la preside Angela Maria Tosto di Larino.

scuola-elementare-via-volturno-140590

Ma è a Termoli che, soprattutto tra docenti e genitori, si attendeva di conoscere i nomi dei nuovi dirigenti visto che l’assetto scolastico cittadino è stato modificato dopo la delibera di Giunta guidata dall’Amministrazione di Angelo Sbrocca che aveva presentato un nuovo piano di dimensionamento scolastico. L’istituto “Schweitzer” con le scuole dell’infanzia di via Stati Uniti e via Catania, la scuola elementare di via Stati Uniti e la scuola media Schweitzer avrà Marina Crema come preside. Mentre l’istituto Bernacchia con la scuola dell’infanzia di via Tremiti, quella dell’infanzia e quella elementare di Principe di Piemonte, l’infanzia e la primaria anche di Pantano Basso a Rio Vivo e infine la scuola media Bernacchia sarà governata dalla preside Rosanna Scrascia, che era già a capo della scuola elementare del centro cittadino.

Nella più grande istituzione scolastica, ovvero l’Istituto Omnicomprensivo  “Brigida” con la scuola media omonima e la scuola elementare e materna di Via Maratona arriverà invece Francesco Paolo Marra. Sempre a Termoli arriverà la preside Maria Maddalena Chimisso a dirigere il Boccardi-Tiberio lasciando l’Istituto Omnicomprensivo di Guglionesi a Patrizia Ancora, dirigente dell’Istituto di Montenero. Resteranno invece al loro posto la preside Anna Gloria Carlini a dirigere il Liceo Scientifico Romita di Campobasso, la preside Maria Chimisso all’Ipseoa Federico di Svevia di Termoli e Giovanna Fantetti all’Istituto Omnicomprensivo di Santa Croce di Magliano.

chimisso maddalena

Anche a Petacciato resterà la preside Giovanna Lattanzi, mentre a Campomarino Teodoro Musacchio e all’Istituto Omnicomprensivo del Fortore Riccia Lucia Vitiello, che lascia l’Omnicomprensivo di Larino ad Antonio Vesce.

Al liceo Galanti di Campobasso arriverà poi Massimo Di Tullio, mentre Rossella Gianfagna lascia il Pilla di Campobasso che andrà a Maria Cristina Battista, per prendere l’incarico al Convitto Mario Pagano del capoluogo di regione. Sempre nel capoluogo di regione all’istituto Colozza arriva Maria Antonietta Rizzo.

Tuttavia, se molte scuole riceveranno nuovi dirigenti, per altre il nome di chi sarà a capo arriverà nelle prossime settimane. Sono infatti quattordici gli istituti del territorio nella provincia di Campobasso che al momento sono disponibili per incarichi di reggenza o mobilità da parte del Miur. Si tratta della scuola Barone di Baranello, del Centro Provinciale per l’Istruzione degli Adulti, Cpia, di Campobasso e della Petrone del capoluogo, dell’istituto Omnicomprensivo Teresa di Calcutta di Campodipietra e di quello di Casacalenda, insieme all’istituto Colozza di Frosolone e all’omnicomprensivo di Montenero e Palata.

Poi a seguire anche l’istituto Alighieri di Ripalimosani, J. Dewey di San Martino in Pensilis e ancora  il secondo istituto comprensivo di Termoli di Difesa Grande con la scuola materna, la scuola elementare e le scuole medie di Difesa Grande insieme alla scuola primaria di Via Po e l’infanzia di Via Volturno e l’istituto Omnicomprensivo di Trivento. Con questi anche due istituti di Isernia, il Cpia e il Fermi Mattei. 

Per loro bisognerà attendere che tutte le procedure del concorso per i dirigenti scolastici siano concluse, solo allora sarà stilata la graduatoria nazionale che comprenderà anche i 30 molisani neo dirigenti che potrebbero ottenere la cattedra di presidi in Molise, magari in una delle 14 sedi “vuote” o spostarsi in altre regioni d’Italia. Allo stesso modo, potrebbe accadere che altri neo dirigenti possano dover trasferirsi in Molise. Se nessuna delle due soluzioni sarà portata a termine, allora le scuole potrebbero essere assegnate ad altri presidi con la reggenza.

furto-nella-scuola-principe-di-piemonte-139461