Noah è nato a Termoli: un altro bimbo L113. Il Comitato esulta e continua la battaglia

Il figlio di Romina, che era stata dimessa alla vigilia della chiusura del Punto Nascite, venuto al mondo oggi pomeriggio a Termoli, come voleva la madre. Dopo Maira, è il secondo nato nel reparto da quando è stata concessa la sospensiva al decreto di chiusura.

Più informazioni su

Il 7 luglio scorso Romina era stata dimessa: le contrazioni tardavano e non ci sarebbe stato il tempo per partorire a Termoli perché stava per scattare l’ora X, ovvero la chiusura del Punto nascite. E invece, con la riapertura temporanea delle nascite grazie alla sospensiva concessa dal Tar, oggi il suo bambino è nato.

Al San Timoteo, dove i parti stanno andando avanti e dove – sempre qualche giorno fa – ha preso servizio un nuovo medico specializzato in ostetricia, la dottoressa Elvira Fiadino.

Noah è nato a Termoli, come voleva lei, madre termolese: sta bene ed è già stato accolto dalla felicità non solo di famiglia e amici ma di tutto il comitato Voglio Nascere a Termoli, che ha esultato anche sui social per il neonato venuto al mondo a Termoli, dove lo scorso 9 luglio erano ripresi i parti con la nascita di Maira.

Noah è venuto alla luce con un parto cesario alle ore 17.22 di lunedì 15 luglio. Un nome particolare “che è sempre piaciuto sia a me che a mia moglie – ammette il papà Alessandro a Primonumero.it, visibilmente commosso mentre guarda per la prima volta suo figlio – Si sarebbe dovuto chiamare così anche il primogenito, ma abbiamo optato per rinnovare mio padre”. Ad attendere la moglie, assieme al padre ed a Noah ci sono i suoi bisnonni, emozionatissimi. Mamma Romina è ancora in sala operatoria, impaziente di conoscere il suo secondogenito. La coppia ha un altro maschietto, Sergio di 5 anni, anche lui nato a Termoli: “È un’emozione infinita, soprattutto aver avuto la possibilità di farlo nascere qui”. La coppia, infatti, dopo la chiusura del punto nascita, aveva scelto il nosocomio di Vasto per il lieto evento. La gravidanza è stata seguita dal dottor Flocco.

Anche Noah potrà avere il codice L113 sui documenti di identità. Una buona notizia che aggiunge speranza a una battaglia ancora in corso, che il prossimo 21 luglio registrerà una nuova e importante manifestazione per sensibilizzare alla necessità di tenere aperto il Punto Nascite di Termoli.

Il 24 luglio invece il tribunale amministrativo regionale si dovrà pronunciare sul decreto del Commissario straordinario Angelo Giustini e del sub commissario Ida Grossi che chiudono il reparto per mancanza di standard di sicurezza, in quanto i parti annui non raggiungono il tetto dei 500 previsti dalla legge, ma si fermano a circa 350.

Gli avvocati Massimo Romano e Fiorini, dello studio Iacovino, che hanno curato il ricorso per conto dei sindaci Del Basso Molise e di diverse pazienti dell’ospedale, hanno incassato già la sospensiva del Tar. Questa è la ragione per la quale continuano a esserci bambini nati a Termoli.

Più informazioni su