Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Il Molisano centrale in funzione entro l’estate. Ma per collaudarlo si rischiano altre crisi idriche foto

Diversi i Comuni interessati da nuove riduzioni o sospensioni del flusso idrico la prossima settimana: il Liscione dovrà bastare per tutti, visto che saranno avviate verifiche sul nuovo Acquedotto Molisano Centrale. Si entra nella fase cruciale del collaudo, per farlo andare a regime - dicono da Molise Acque - entro l'estate.

La buona notizia è che il Molisano Centrale entrerà in funzione nelle prossime settimane e al massimo entro settembre. La notizia cattiva invece è che per poterlo collaudare si rischiano altre crisi idriche in Basso Molise, nel bel mezzo dell’estate.

La prima potrebbe concretizzarsi – anche se il condizionale è d’obbligo – a partire dal 15 luglio, lunedì, quando il flusso che rifornisce Termoli, Campomarino, Petacciato, Montenero di Bisaccia, Guglionesi, San Giacomo, Larino, Ururi, San Martino in Pensilis e Portocannone sarà ridotto del 30 per cento circa.

Questo perché i Comuni che attualmente sono riforniti dalla doppia alimentazione non potranno contare temporaneamente sull’acqua che arriva dal Matese, visto che proprio lunedì saranno avviati controlli e verifiche specifiche sull’Acquedotto molisano, che ha visto la luce dopo oltre 11 anni di lavori, una infinita burocrazia e oltre 100 milioni di euro.

Le Amministrazioni comunali coinvolte sono state avvisate dall’Azienda Speciale regionale Molise Acque, i cui responsabili sono tuttavia ottimisti circa la tempistica delle verifiche che, sostiene l’ingegner Carlo Tatti, “dovrebbero concludersi nella stessa giornata. E comunque – precisa – la comunicazione è stata inoltrata in via assolutamente precauzionale. I disagi potrebbero essere ridotti a zero”.

Alla polemica di un collaudo tecnico del nuovo acquedotto in piena stagione estiva e turistica (quando il numero della popolazione residente sulla costa e nell’hinterland è già di fatto raddoppiato) Molise Acque replica sostenendo la necessità di terminare il collaudo sull’impianto – che porta acqua di sorgente dal Matese alla costa – il prima possibile, proprio per permettere a residenti e turisti di non soffrire carenze idriche nel mese di agosto.

Agosto dovrebbe essere proprio il mese in cui comuni come Termoli, Campomarino, Guglionesi e San Giacomo saranno allacciati alla infrastruttura. Che per ora riesce a portare acqua a Larino, San Martino, Ururi e Portocannone, dove il bypass realizzato in urgenza sta per essere sostituito dall’allaccio definitivo.

Altra comunicazione di Molise Acque, che ha destato un po’ di preoccupazione nelle amministrazioni e che riguarda sempre gli stessi comuni, è quella relativa al ripristino del collegamento elettrico che serve l’impianto di potabilizzazione di Ponte Liscione.

Il prossimo 18 luglio dalle 7 del mattino al tardo pomeriggio ci saranno i lavori che potrebbero (e anche in questo caso è necessario usare il condizionale) portare alla sospensione del flusso idrico nelle abitazioni qualora le riserve dei serbatoi comunali non dovessero bastare. Tra tutti il Comune che sta soffrendo maggiormente per la carenza idrica, ormai da settimane, è quello di Montenero di Bisaccia, dove i rubinetti vengono chiusi ogni sera.