Esplode la protesta davanti al Consiglio regionale, i lavoratori provano a irrompere in Aula

Momenti di tensione questa mattina (16 luglio) davanti a palazzo D'Aimmo dove era in riunione l'assemblea. La Polizia è stata costretta a intervenire in via IV Novembre dove c'era il presidio degli ex operai Gam e dei rappresentanti del coordinamento delle lotte

Mattinata movimentata davanti al Consiglio regionale dove è tornata ad esplodere la protesta dei lavoratori. Ci sono gli ex operai della Gam e i rappresentanti Coordinamento molisano delle lotte che contestano “la politica antipopolare portata avanti dagli interessi privati di pochi a discapito di un intero territorio. Posti di lavoro svenduti, aziende chiuse, sciacallaggio del territorio e inquinamento ambientale , mancanza di acqua quotidiana, ospedali chiusi e annullamento del diritto alla salute, collegamenti viari e trasporti colonizzati con sicurezza zero e isolamento di intere aree”.

Gli ex lavoratori chiedono un confronto con la maggioranza e con il presidente Donato Toma. “Fuori, fuori”, gridano a gran voce. Un appello che resta inascoltato. C’è chi chiede le dimissioni dello stesso governatore. Poi i lavoratori provano ad irrompere in Aula. Qualche momento di tensione, è necessario l’intervento della Polizia per ristabilire l’ordine.