Costi troppo alti e pochi viaggiatori: niente navetta per Rio vivo, si cerca soluzione per i fine settimana

Da lunedì 1 luglio operative tutti i giorni le navette gratuite sul lungomare nord, mentre per ora nessun autobus specifico per il litorale sud. Il Comune sta valutando di ripristinare il servizio come richiesto dai balneatori in un incontro, ma bisogna trovare un accordo con la Gtm

Più informazioni su

Con l’inizio di luglio i balneatori di Rio vivo hanno ricevuto una sgradita sorpresa. Non è stato attivato infatti il servizio di navetta gratuita che il Comune aveva messo a disposizione negli anni scorsi sia per il lungomare nord che per il litorale sud. Al momento infatti la Gtm, l’azienda che gestisce il trasporto pubblico urbano, garantisce soltanto il ‘Sun Bus’ per il litorale nord con ben tre navette. Costi troppo alti e poca affluenza di viaggiatori hanno portato alla decisione di sospendere la navetta verso Rio vivo.

Proprio per questo ieri pomeriggio 1 luglio gli assessori Vincenzo Ferrazzano e Michele Barile hanno avuto un incontro coi titolari dei lidi, dopo una richiesta arrivata dagli stessi balneatori. “Abbiamo chiesto il perché della mancata attivazione della navetta” ha spiegato Alessandro Salerno, del lido ‘Tricheco’. “Mi è stato spiegato che c’erano poche persone che la prendevamo, ma penso che non voglia dire niente. Bisogna chiedersi il perché: forse è sbagliato il percorso o il punto di partenza. Però dopo averne discusso ci è stato garantito che verrà ripristinato almeno per i fine settimana”.

“Dobbiamo valutare con l’azienda, perché i costi sono alti – fa sapere l’assessore ai Trasporti, Vincenzo Ferrazzano che al momento non ha garantito il ripristino ma ci sta lavorando -. Alla Gtm la navetta con quel percorso molto lungo e due autisti costa 20mila euro. Oltretutto mentre quelle sul lungomare nord sono piene, quello in direzione Rio vivo erano sempre vuote. Stiamo vedendo se si può garantirlo dal venerdì alla domenica”.

rio vivo

Il titolare del lido Oasi, Nicola Giorgione, non era presente alla riunione fra balneatori e assessori, ma ha una sua idea. “Forse basterebbe potenziare il servizio di trasporto che già c’è, invece di istituire una navetta apposita che ha dei costi notevoli eimmagino azienda e Comune non riescano a sostenere. Sono fiducioso però che l’Amministrazione comunale sappia trovare la giusta soluzione ai problemi”.

C’è anche da dire che il servizio ‘Sun Bus’ era nato qualche anno fa con l’idea che fossero anche i balneatori stessi a contribuire economicamente per coprire le spese. Un contributo di 500 euro l’anno che però, da quanto risulta, in pochi hanno saldato in questi anni. Si spiega anche così la difficoltà della Gtm a sobbarcarsi un ulteriore costo, visto che per la stagione balneare 2018 la cifra totale era stata di 90 mila euro.

sun-bus-navetta-autobus-viaggiatori-dentro-153515

Come detto, garantite invece le corse per tre diverse navette verso nord, con una che fa il ‘giro lungo’ raggiungendo anche i quartieri periferici come Colle della Torre. Corse che vengono scelte quotidianamente da centinaia di bagnanti, col pieno nei fine settimana. Per altro il Sun Bus verso il lungomare Colombo era già attivo il sabato e la domenica dalla metà di giugno.

Intanto si studiano anche altre soluzioni per garantire un’accoglienza dignitosa e maggiori spazi per i bagnanti sul litorale sud. È al vaglio la possibilità di realizzare qualche decina di parcheggi per scooter e moto proprio al termine del tratto dove sono presenti i lidi balneari, quindi sul lato destro rispetto allo stabilimento ‘Buena Vista’.

Più informazioni su