Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

A.A.A. cercasi 2 ginecologi con urgenza: c’è l’avviso pubblico. Trattativa con Vasto per portare medici al San Timoteo

La Asrem ha indetto un avviso pubblico nelle more del concorso per dare incarico a due specialisti in ostetricia e ginecologia e garantire il servizio pubblico nel Punto Nascite chiuso per decreto e coinvolto dalla sospensiva del Tar. Ci sarebbe anche la volontà di riportare a Termoli il dottor Vincenzo Biondelli, in servizio a Vasto, per potenziare il personale e far salire il numero dei parti.

Più informazioni su

Avviso urgente per assumere due specialisti in ostetricia e ginecologia al San Timoteo di Termoli. L’azienda sanitaria, con provvedimento firmato dai direttori Sosto, Forciniti e Lucchetti, prende atto ancora una volta della carenza di personale medico presso l’unità operativa complessa dove è primario facente funzione Bernardino Molinari e decide di conferire due incarichi libero professionali per garantire la continuità assistenziale e scongiurare l’interruzione di pubblico servizio, che fra l’altro violerebbe anche l’articolo 32 della Costituzione.

Dunque è stato indetto un avviso pubblico per medici ostetrici e ginecologi attraverso una selezione per soli titoli, nelle more del completamento delle procedure concorsuali. L’avviso scade il prossimo 19 luglio è naturalmente la speranza è che ci sia una risposta positiva da parte di medici interessati a lavorare a Termoli.

Il provvedimento è possibile in considerazione dello sblocco del turnover attraverso il decreto Calabria di qualche settimana fa, che riapre alle procedure di assunzione anche per le regioni coinvolte dal piano di rientro dal deficit, come appunto Il Molise. La Asrem in premessa prende in considerazione il decreto del Tar Molise dello scorso 8 luglio con il quale si accoglie la sospensiva al provvedimento di chiusura del reparto firmato dalla struttura commissariale e il trasferimento di tutte le pazienti già ricoverate nel reparto. “È necessario, al fine di dare esecuzione al suindicato decreto del Tar Molise, indire procedura selettiva pubblica mediante valutazione comparativa dei curricula formativi e professionali per il conferimento di due incarichi a medici specialisti in ostetricia e ginecologia”: questa la sintesi dell’avviso pubblico, che arriva dopo l’assunzione della dottoressa Elvira Fiadino, la ginecologa che aveva risposto all’altro avviso pubblico e che ha dato disponibilità a partire dalla fine di giugno per andare a lavorare al San Timoteo. Ora un altro passo in avanti in direzione di quel potenziamento che parte soprattutto dal personale medico del Punto nascite di Termoli che, in assenza di camici bianchi, non può essere mantenuto in vita al di là delle decisioni assunte in sede giudiziaria.

Intanto si stanno valutando anche accordi straordinari con l’ospedale San Pio di Vasto per far arrivare ginecologi da quel nosocomio. Dovrebbero essere almeno due i ginecologi “prestati” alla Asrem del Molise dalla Asl abruzzese e, secondo voci che si rincorrono con insistenza nell’ultimo periodo, sarebbero in corso trattative per portare il dottor Vincenzo Biondelli proprio a termoli.

Biondelli d’altra parte, che lavora a Vasto ed è specializzato in ginecologia e ostetricia, è termolese. Si confida che la sua presenza nell’ ospedale San Timoteo possa andare a rimpinguare il numero di pazienti che scelgono di partorire a Termoli. L’obiettivo infatti è quello di aumentare il numero di parti annuali, facendoli arrivare almeno a 500 che è la soglia minima al momento prevista dalla legge per la sopravvivenza dei Punti nascite italiani.

In tutto questo prosegue la raccolta firme contro la chiusura del reparto che tutti i Comuni del basso Molise stanno sponsorizzando attraverso punti in cui è possibile firmare predisposti nei vari paesi (Qua l’elenco dei punti allestiti per la petizione)

Più informazioni su