Un gruppo di volontari al lavoro per pulire la pineta. “Sensibilizzare significa anche partecipare” foto

Hanno preso gli attrezzi in mano, sfidando anche il grande caldo di ieri, domenica 9 giugno, e hanno pulito la pineta di Campomarino da soli, grazie al senso del dovere e del rispetto della natura. “Sensibilizzare significa rendere qualcuno più consapevole, cosciente e partecipe di un problema o di una situazione – spiegano gli organizzatori – Questo è ciò che ognuno di noi, poco alla volta, deve fare quando una situazione sfugge di mano. Solo quando diventeremo coscienti del grande regalo che la natura ha fatto a noi e al nostro paese, regalandoci il mare, le dune, le pinete, regalandoci “opportunità” che non riusciamo a vedere, solo allora consapevoli di ciò che abbiamo, potremo ribaltare insieme la situazione di un intero paese.

pineta-campomarino-152146

Il nostro gesto oggi – aggiungono – che nonostante abbia riscosso poche, anzi pochissime presenze, è il primo passo che faremo nella giusta direzione, camminando sulla strada del cambiamento. Il cambiamento lo si fa con i fatti, con le teste con le braccia non lo si fa dietro un computer o dietro una scrivania. Cammineremo ancora verso la nostra meta per fare rivivere la pineta e non solo”.

pineta-campomarino-152147

E infine i ringraziamenti a chi ha preso parte alla giornata di lavoro: “Ho bisogno di ringraziare chi ha contribuito a rendere possibile oggi questa nostra iniziativa, in primo luogo le bimbe Denise e Laura che hanno partecipato con entusiasmo, e poi Addolorata Ricciardi e Tiziana Parisi per aver deciso di mettersi in gioco e per aver contribuito a presentare richieste formali, Domenico di Lillo per l’impegno preso con la ditta Giuliani e Luca Gottardi disponibilissimo e presente, e Fausto Di Stefano che ci ha fornito tutto il materiale di cui avevamo bisogno. Massimiliano Ciavarella, Donato Ricciardi e Nicolino Merlo, oltre a due ragazzi che preferiscono tenere l’anonimato, presenti con noi nel lavoro in prima linea, la signora Erika proprietaria della pizzeria Quel posto lì, Massimo Pinelli e Tatiana Violetta per averci offerto ristoro. I miei ringraziamenti sinceri a tutti per averci permesso in primo luogo di iniziare un progetto che porteremo avanti e soprattutto per aver trascorso una bella giornata in compagnia tra la natura corredata da tante risate“.

pineta-campomarino-152144