Stop Crime, ad ottobre l’obiettivo sicurezza del sindaco Gravina

Il primo cittadino annuncia che dal prossimo autunno saranno messi in campo una serie di passaggi informativi e formativi sul tema delle truffe, nell’ambito del territorio cittadino. Il Comune intende realizzare una capillare azione di sensibilizzazione e informazione, rivolta alla popolazione anziana che risiede in città

A partire dal mese di ottobre, attraverso il Fondo per la prevenzione e il contrasto delle truffe agli anziani, prenderà il via il progetto “Stop Crime” del Comune di Campobasso.

L’iniziativa ha come obiettivo la promozione della cultura della sicurezza in favore di una fascia vulnerabile della popolazione, quella degli anziani.

Quindi verranno attuati dei passaggi informativi e formativi sul tema nell’ambito del territorio cittadino. Il Comune intende realizzare una capillare azione di sensibilizzazione e informazione, rivolta alla popolazione anziana residente, contro ogni forma di truffa (cibernetica, finanziaria ecc…).

La campagna mediatica prevederà la realizzazione di uno spot contro le truffe e la stampa di manuali (pieghevoli) “antitruffa” con informazioni indispensabili per la popolazione anziana per prevenire e riconoscere le situazioni a rischio, con consigli utili per difendersi da possibili reati. Il pieghevole sarà diffuso nei principali luoghi di incontro degli anziani dove saranno organizzati anche degli appuntamenti durante i quali verranno loro illustrati i comportamenti a rischio, le truffe più ricorrenti ed alcuni utili suggerimenti. Gli incontri saranno svolti presso i 7 Centri Sociali cittadini.

Le attività di formazione saranno avviate dal servizio sociale del Comune con il supporto e il coinvolgimento delle forze dell’ordine e con alcuni enti gestori di energia, comunicazione, servizi con i quali saranno definite apposite lettere d’intenti.

È previsto il supporto di personale docente specializzato contro le truffe ed operatori del sociale, anche del terzo settore, con l’intento di aprire dei focus sulle tipologie di reato a cui l’anziano è maggiormente esposto: truffa (anche cibernetica), abbandono per quanto riguarda l’assistenza, raggiri e furto in abitazione.

Per tutte le persone anziane vittime o potenzialmente vittime di reati sarà attivato anche un Servizio di ascolto e assistenza psicologica e legale, ovvero dei luoghi e spazi di parola e di ascolto, dedicati e professionali con la partecipazione di personale del settore legale. Ci saranno interventi presso i domicili delle persone anziane che ne faranno richiesta al Comune di Campobasso o al soggetto gestore del servizio attraverso il numero telefonico dedicato.

Il servizio offrirà alle vittime un ascolto empatico e partecipe e gli operatori indirizzeranno i soggetti verso i centri, le associazioni, gli enti, le istituzioni e i professionisti che nello specifico potranno rispondere alle loro richieste, operando una selezione rispetto agli stessi in base al problema presentato e alle esigenze manifestate (di protezione, di compensazione e ristoro dei danni, di sostegno psicologico). Anche in questo caso è previsto un sostegno legale per garantire consulenze.