Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

L’Italia si innamora delle ragazze della Nazionale di calcio: la molisana Sabatino titolare nel 5-0 alla Giamaica

In campo per 90 minuti per l'attaccante nativa di Agnone, protagonista con le compagne di una partita perfetta: tripletta di Girelli e doppietta di Galli, ottavi di finale già conquistati

Ormai è amore vero fra gli italiani e le azzurre del calcio femminile che questo pomeriggio 14 giugno alla seconda partita della Coppa del Mondo in Francia hanno stritolato la Giamaica stravincendo per 5-0 a Reims e qualificandosi aritmeticamente agli ottavi di finale della competizione.

Fra le ragazze della ct Bartolini c’è anche una molisana, seppur solo di nascita e di formazione, quella Daniela Sabatino nata ad Agnone ma orgogliosamente abruzzese di Castelguidone, sebbene nel suo percorso calcistico degli esordi ci siano esperienze a Campobasso e dintorni.

“Mi sento abruzzese, tengo a ribadirlo” ha detto ai microfoni di RaiSport la Sabatino dopo la vittoria odierna, dando forse un dispiacere ai suoi fan molisani. Poi un saluto ai compaesani che l’hanno seguita da casa, col parroco che ha persino rinviato la processione per consentire ai cittadini di guardare la gara.

Dopo una prima presenza da subentrata, la 33enne attaccante del Milan oggi è partita titolare giocando l’intera gara ed è stata protagonista insieme con le compagne di una vittoria dal punteggio netto e meritato.

Tripletta della centravanti Cristiana Girelli, doppietta di Aurora Galli che è entrata a partita in corso, e adesso testa al terzo match, quello di martedì 18 giugno alle 21 contro il Brasile.

Manca ancora la gioia della rete personale per la Sabatino, giocatrice che in carriera vanta oltre 300 gol e un accostamento costante con Pippo Inzaghi, cui somiglia vagamente anche per le movenze in campo. Oggi per lei solo una traversa colpita.

Ma per ora c’è solo da fare i complimenti a queste ragazze che stanno compiendo una vera impresa che va oltre lo sport, quello di mostrare agli italiani che il calcio non è solo roba da maschi.