Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

L’infiorata che unisce fede e fantasia: così le donne hanno salvato il Comitato del Corpus Domini foto

L’impegno per il paese di sei donne che dallo scorso anno, rispondendo all’sos del Comitato Corpus Domini rimasto a secco di volontari, hanno avviato la tradizione dell’Infiorata. Giorni di superlavoro per preparare i quadri che domenica ravviveranno il centro, e l’invito a partecipare alla popolazione.

L’infiorata, tradizione barocca di grande fascino e colori, ha debuttato lo scorso anno a Guglionesi grazie al Comitato del Corpus Domini. Ma quest’anno, per l’edizione 2019, si rinnova ampliata e ricca di novità nell’ambito di più giorni di festeggiamenti che prevedono, oltre i riti religiosi a cominciare dalla processione, concerti bandistici e momenti di svago in piazza.

corpus-domini-guglionesi-152673

Il cuore della festa tuttavia sarà l’Infiorata, un momento che unisce devozione e creatività, magia dei colori e profumo di petali freschi. Uno spettacolo possibile grazie all’impegno profuso in modo particolare dalle donne che lo scorso anno hanno deciso di rispondere “presente” alla chiamata di andare a rinforzare il Comitato Corpus Domini, che rischiava di scomparire.

corpus-domini-guglionesi-152659

“Sia dal parroco che da membri del comitato è arrivato l’invito a fare qualcosa, per evitare che il Comitato scomparisse e per restituirgli vitalità” raccontano loro, donne giovani e non, madri di famiglia, lavoratrici che devono dividersi tra molti impegni e che sacrificano il tempo libero per portare avanti i preparativi per l’Infiorata.

corpus-domini-guglionesi-152674

Domenica 23 giugno, giorno del Corpus Domini che in Molise si celebra con momenti di grande suggestione e tradizione (l’esempio più eclatante sono i celebri Misteri di Campobasso), non solo Viale Margherita – la strada principale del centro – ma anche via Roma, fino al sagrato della chiesa Madre, saranno abbellite con i quadri realizzati mediante fiori.

Loro, instancabili, ci stanno lavorando da mesi, e hanno aggiunto tutta la loro fantasia ai lavori, che oltre ai petali (“freschi, da posizionare il giorno stesso”) ricorrono a ingegnosi “ingredienti” da cucina come i chicchi di caffè e il sale, colorati con tempere brillanti.

corpus-domini-guglionesi-152667

“Ci piacerebbe che questa iniziativa fosse anche un invito a partecipare alla popolazione di Guglionesi. Sarebbe bello allargare il corpo volontari e lavorare insieme a qualcosa di attraente per il paese” dicono ancora le donne del Comitato Corpus Domini, e cioè Teresa Ciliberto, Angnese Zara, Monia Florio, Antonella Di Carlo, Angela D’Auria e Agata Sbardi.

Al loro fianco anche gli uomini, che meritano una menzione a parte. Mimmo Bonifacio, Lino Di Tommaso, Antonio D’Auria, Ciro Monte, Mirco Monte, Alessandro Cordella, Rocco Silvestri, Emanuele Vernacchia e Paolo Ialonardi. La maggior parte è nel Comitato da molto tempo, impegnato per la sopravvivenza di una delle festività religiose più importanti del calendario liturgico.

corpus-domini-guglionesi-152669