Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

La giungla in tangenziale: segnali stradali “soffocati” dalla vegetazione foto

La crescita indisciplinata delle piante ha sopraffatto parte della segnaletica verticale, limitandone la visibilità: urge una necessaria opera di restyling per scongiurare quanto prima il rischio di pericolosi “effetti collaterali” per traffico e automobilisti.

Le fiabe, molto spesso, insegnano qualcosa anche ai grandi. “Le petit poucet” di Charles Perrault – nella tradizione letteraria italiana meglio nota come “Pollicino” – ad esempio, ci racconta di quel bimbo che, usando astutamente sassolini, prima, e briciole di pane, poi, riuscì a recuperare la via di casa dopo averla smarrita, salvando così se stesso e i suoi fratellini da un avverso destino. 

Probabilmente, converrà rileggere quelle tenere pagine anche agli utenti della tangenziale est di Campobasso, soprattutto a chi la imbocca provenendo dall’incrocio tra via Pirandello e via Scardocchia, sponda Vazzieri, o dal quartiere San Giovanni. 

Perché per interi tratti la memoria è l’unico “navigatore” possibile: la segnaletica verticale, infatti, in più zone del percorso è letteralmente eclissata, oscurata, dalla crescita indisciplinata della vegetazione spontanea. 

Una circostanza che conserva anche una potenziale matrice di pericolo per gli automobilisti, in modo particolare per quanti non percorrono abitualmente quella strada.

tangenziale est campobasso

Chi si immette sull’arteria transitando da via Lombardia, ad esempio, si trova dinanzi a un “dare precedenza” quasi soffocato dalle piantagioni: il rischio è dunque quello di riuscire a scovare troppo tardi il segnale, vanificando così persino le proprietà della sacrosanta – quanto “classica” –  “inchiodata” sui freni.  

L’attuale fotografia di quel passaggio d’asfalto non rappresenta esattamente un inno alla sicurezza stradale, dunque. E la scarsa visibilità della segnaletica è purtroppo riscontrabile anche in altri punti: sia all’ingresso affacciato su via Scardocchia, come già sottolineato, sia in corrispondenza del rettilineo in direzione terminal bus. 

Sarebbe opportuno quindi intervenire con tempestività e provvedere a un’opera di restyling capace di allontanare lo spettro di eventuali disagi e possibili incidenti. Sempre che non si voglia costringere gli automobilisti a munirsi di sassolini e briciole di pane per orientarsi nella giungla cittadina.