Il Microbar compie 70 anni e diventa Eco: plastica bannata e sostegno al WWF

Settant’anni passati ad anticipare le mode, realizzare desideri, organizzare feste: eppure il Microbar riesce sempre ad essere mille passi avanti. E così, per il suo 70esimo compleanno, ha deciso di abbracciare l’ambiente adottando la campagna ‘plastic free’ e sostenendo le specie protette “quelle che l’incuranza degli uomini stanno facendo morire di giorno in giorno”, scrivono dalla direzione.

Per questo, in occasione della grande festa di sabato 22 giugno, l’immagine del Micro, quella che in più di mezzo secolo si è evoluta per adattarsi alle esigenze della clientela, si rinnova e diventa #EcoMicro: un nuovo modo di offrire food&beverage ed ospitalità, rispondendo, però, alle esigenze dell’ambiente. Attenzione quindi all’abolizione della plastica, all’inquinamento zero ed al mondo degli animali con una campagna di adozione che vedrà il locale di Piazza Monumento sostenitore del WWF per tutto il 2019.

#EcoMicro è un’idea di Francesco Salerno, 21 anni figlio di Massimo storico titolare dell’attività, studente al terzo anno della Laurea Triennale in Economia del Turismo a Rimini, attento da sempre alle tematiche ambientali e a tutto quello che è il mondo dell’ecosostenibilità. Via bottigliette di plastica, cannucce, bicchieri e ogni altra forma di contenitori di plastica monouso o usa e getta. “Oggi le soluzioni, sempre in rispondenza alle norme sanitarie, sono tante e verranno adottate al Microbar fin da subito”, confessano dalla direzione. Ma c’è di più: per incentivare la rivoluzione ambientale, aiutando a diminuire l’inquinamento causato dai veicoli, nei pressi del Micro verrà posizionato uno stallo per le biciclette a disposizione della città.

Uno sguardo ed un aiuto concreto all’ambiente che va di pari passo con la tutela degli animali in pericolo. Per tutto il 2019, il Microbar supporterà e sosterrà il WWF e altre associazioni, con adozioni per la tutela di animali a rischio di estinzione o vittime di vere e proprie stragi, quali l’Orso Marsicano, la Tartaruga Marina, il Delfino e tanti altri. “Iniziative tanto simboliche quanto concrete, perché il Microbar non è mai stato e mai sarà solo un bar, ma è un fulcro di crescita economica e sociale di #Termoli. Sempre al passo con i tempi, qualche volta anche in anticipo”, continuano la nota stampa.

Tutto questo sarà inaugurato sabato 22 giugno a partire dalle 18 quando il Micro spegnerà la sua 70esima candelina: spazio al divertimento, ai ricordi, alle emozioni e alle esperienze di chi il Microbar l’ha vissuto. Saranno proprio i clienti i veri protagonisti della grande festa del Micro, tra bollicine e buona musica, si alterneranno i racconti delle esperienze del clienti del Micro ma anche dei rappresentanti istituzionali che si sono susseguiti alla guida della città in tutti questi anni.