Giunta Roberti, giochi quasi fatti: 5 assessori, i più votati. Presidenza Consiglio a Marone

Per ora esecutivo con 5 posti, assegnati - in attesa di conferme ufficiali - a Ferrazzano, Mottola, Ciciola, Colaci e Barile. Due posti alla Lega Salvini: il secondo come presidenza del Consiglio, probabilmente a Marone. Venerdì primo consiglio comunale con l'ufficialità e i consiglieri surrogati, che entrano al posto degli assessori.

La giunta del sindaco Francesco Roberti è pronta, anche se sarà ufficializzata nelle prossime ore oppure, come si vocifera, venerdì prossimo In occasione della prima seduta di Consiglio comunale convocata per le ore 17 in Municipio, quando avverrà l’insediamento degli eletti e ci saranno anche le surroghe, cioè la nomina a consiglieri dei primi dei non eletti di liste nelle quali il primo cittadino ha scelto un assessore.

E gli assessori sarebbero proprio i più votati della coalizione. Un esecutivo a 5 e non a 6, come era stato detto in un primo momento, con la possibilità di riservarsi nei prossimi mesi un altro posto da affidare.

Per quanto riguarda i nomi dovrebbero essere naturalmente quello di Enzo Ferrazzano, dei Popolari per l’Italia la lista di Vincenzo Niro, più votato in assoluto. A lui il ruolo di vicesindaco e un assessorato di rilievo, probabilmente i Lavori Pubblici. Per la Lega di Salvini sarebbe in campo Rita Colaci. Una scelta che tuttavia, se da un lato soddisfa l’esigenza della quota rosa, dall’altro apre un rebus sul nome di Annibale Ciarniello, che ha avuto in sostanza lo stesso numero di voti di Marone.

Per Forza Italia probabilmente la delega assessorile andrà a Giuseppe Mottola, anche in questo caso primo degli eletti. Infine per la civica che fa sempre riferimento a Niro “Diritti e libertà” entrerebbe Michele Barile che ha fatto incetta di voti, mentre per Fratelli d’Italia Silvana Ciciola, seconda quota rosa nel braccio operativo di Francesco Roberti.

Per il momento dunque l’unica lista a restare fuori dai giochi è quella di Roberti sindaco, con possibilità tuttavia di riservare una quota anche a questa aggregazione nei prossimi mesi. La Presidenza del Consiglio comunale invece dovrebbe essere assegnata a Michele Marone, primo degli eletti nella lega Salvini, partito per il quale il coordinatore regionale Mazzuto ha rivendicato almeno due caselle. A entrare in consiglio, in virtù dell’ istituto della surroga, potrebbero essere Fernanda De Guglielmo, Pino Nuozzi, Giulia Michela Antiniani, Nicola Malorni e Alberto Montano, ex sindaco di Termoli.