Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Episodio vandalico in centro città: divelta una panchina del corso

Più informazioni su

La scoperta questa mattina – 16 giugno – durante la passeggiata per il corso, il luogo dello ‘struscio’ dei campobassani nonché il salotto ottocentesco del capoluogo molisano. Una delle panchine che si trova sul marciapiedi antistante i negozi Ovviesse e Calzedonia era stata divelta e spostata al centro della strada.

La bravata è stata compiuta la notte scorsa, quando ignoti – probabilmente dopo aver alzato un po’ troppo il gomito – hanno commesso l’ennesimo gesto di inciviltà.

A denunciare l’accaduto il professore Arnaldo Brunale che ha scattato una foto e l’ha postata sui social suscitando comprensibilmente la reazione indignata di tanti cittadini, stanchi degli atti di vandalismo che frequentemente avvengono in città e che si aspetterebbero una maggiore cura dell’arredo urbano e del patrimonio pubblico del capoluogo molisano. Il fatto insomma ha provocato sconcerto, indignazione, ma anche rassegnazione per il progressivo declino di Campobasso.

“Sono rimasto basito”, racconta lo storico a Primonumero. “Una delle panchine era stata sbullonata e poi lasciata al centro del corso. Si dà sempre la colpa agli amministratori, ma non è colpa loro: è colpa nostra, siamo incivili. E’ vergognoso”. E poi, aggiunge Brunale, “non pensano che alla fine il danno si riverserà pure sugli autori di questo gesto perchè per ricomprare o aggiustare la panchina saranno spesi soldi pubblici”.

C’è chi ipotizza che i responsabili dell’atto vandalico volessero rubare la pesante panchina. Probabilmente resteranno pure impuniti, a meno che le videocamere esterne di qualche attività commerciale che si trova lungo corso Vittorio Emanuele non abbiano ripreso i vandali e sulla base delle immagini le forze dell’ordine riescano ad incastrarli.

Intanto nel pomeriggio la panchina è stata rimessa al suo posto dai volenterosi consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle Simone Cretella e Lorenzo Sallustio.

Più informazioni su