Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Detenuto non rientra in carcere dopo il lavoro alla Sea: caccia all’uomo

Salvatore Confessore, 37 anni, di Napoli, impegnato presso la municipalizzata del Comune con una borsa lavoro per interventi di pubblica utilità, non è più rientrato in carcere da sabato pomeriggio. E’ scattato il reato di evasione e non c’è traccia neanche della famiglia. Era domiciliato in un quartiere popolare del capoluogo

E’ sparito da sabato pomeriggio. Doveva fare rientro nel carcere di Campobasso dove sta scontando una pena per i reati di cui è stato autore: rapine nelle banche e sequestro di persona, invece ha fatto perdere le sue tracce. E con lui si sono perse anche quella della sua famiglia.

Dopo 12 ore scatta il reato di evasione dunque è ufficialmente partita la caccia all’uomo che probabilmente ha organizzato la fuga assieme alla sua compagna. Perché ambedue risultano allo stato irreperibili.

Residenti ancora a Napoli, ma domiciliati nei pressi di via San Lorenzo a Campobasso, non hanno risposto al trillo del campanello quando la polizia si è recata al domicilio per avere notizie del 37enne.

L’uomo usufruiva dell’articolo 21, vale a dire della possibilità di svolgere lavori esterni alla casa di reclusione.

Infatti, era impegnato con una borsa lavoro della Sea, la municipalizzata del Comune di Campobasso, tramite la quale si occupava di lavori di pubblica utilità.

Sono in corso le ricerche da parte della Polizia Penitenziaria e di tutte le forze dell’ordine allertate.

Tecnicamente si tratta di evasione, e questo non può che avere per lui gravi ripercussioni se non si costituisce al più presto ma finora non ha dato alcun segnale di sé.

Soltanto pochi giorni fa nel carcere di Campobasso ci erano stati momenti di agitazione provocati da una sommossa organizzata da alcuni detenuti che hanno dato fuoco a materassi e suppellettili per protestare contro il regolamento messo in atto dalla ex direttrice (da ieri infatti a dirigere il penitenziario del capoluogo di regione è arrivata Rosa La Ginestra da Larino), oggi invece si registra un caso di evasione rispetto al quale sono in corso le ricerche da parte delle forze di polizia su tutto il territorio regionale e non solo.