Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Acqua a singhiozzo anche a Guglionesi: disagi e proteste. Il Molisano centrale attivo solo per alcuni paesi foto

Da questa mattina, martedì, emergenza idrica anche a Guglionesi. L’approvvigionamento tramite il secondo canale di rifornimento di cui dispone il comune molisano è insufficiente a riempire i serbatoi dopo tre giorni di stop dell’acqua dall’invaso del Liscione.

E così alle 9 di questa mattina Molise Acque ha comunicato la riduzione del 50 per cento del flusso proveniente da Guardialfiera. Rubinetti a secco in tutto il paese, con una comunicazione data attraverso i siti e i social all’ultimo momento perché, precisano dal Comune, “solo stamattina l’abbiamo saputo”. Tanti i disagi conseguenziali, da elettrodomestici che si sono interrotti di colpo a bar e attività che da un momento all’altro si sono ritrovati a secco.

L’acqua sarà ripristinata alle ore 13, ma interrotta di nuovo stasera alle 20 e 30 fino alle 6 di domattina. Acqua razionata, per una situazione che comporta forti disagi sia ai privati che alle attività commerciali, e che potrebbe protrarsi ancora domani e oltre. Dipende dai tempi di ultimazione della manutenzione ai filtri del potabilizzatore, che come è ormai noto sono sottoposti a un intervento di pulizia e bonifica da sabato scorso.

Diverse le campagne di Guglionesi che sono completamente senza acqua, come Valle di Gioia, San Vito, Chiancate, Monte Antico e Macchie. Qui l’acqua non tornerà prima del 20 giugno. Ci si auspica l’arrivo delle autobotti. Inevitabili le polemiche da parte dei cittadini, che si trovano a fare i conti con un problema atavico che tuttavia non si accenna a risolvere.

Resta anche da chiarire, sempre a Guglionesi, gli ostacoli all’allaccio con la interconnessione del Molisano Centrale, l’acquedotto che dovrebbe rifornire il Basso Molise di acqua di sorgente. Acquedotto che, tramite un bypass provvisorio, è entrato in funzione a livello di prove e rodaggio la notte tra domenica e lunedì e che attualmente sta rifornendo, seppure in minima parte, le Contrade a valle di Larino, i comuni di Portocannone San Martino in Pensilis e Ururi. Qui, va ricordato, La popolazione sta facendo i conti con una gravissima crisi idrica che si protrae da sabato sera. Non ci sono ancora notizie certe sui tempi di soluzione del problema, ma è evidente – a giudicare da quanto sta accadendo – che non si tratti di una cosa velocissima.