Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Le Rubriche di Primonumero.it - In Box

Termoli vista da Milano. A proposito dei nuovi lavori di Corso Umberto

Più informazioni su

‘’A FÉMMENE PE’ PARÉ’ BBÉLLE C’É FATTE SCURCIÂ

A proposito dei nuovi lavori di Corso Umberto

 

Avevo quasi deciso di non scrivere niente su quest’ultimo intervento…Ma come si fa a tacere sull’idea di cambiare completamente il significato di uno spazio che ho vissuto e frequentato da quando sono nato! E non perché me lo impone la mia deformazione professionale di architetto, ma perché per una vita, sono vissuto in un ambito urbano diverso dove i ricordi si fanno più cari.

Da domani sarà vietato dire che passeggiando per il Corso Nazionale si fanno le fatidiche … “vasche”. L’intervento, infatti, sminuirà l’uso delle passeggiate sotto-e-sopra in quanto diventerà un unicum comprendente: Piazza Monumento-Corso Nazionale-Corso Umberto-Stazione Garibaldi. E questa volta avrà anche un nuovo nome più giusto! Magari Piazza Don Milano…

Questo nuovo look o landscape come lo chiamano gli inglesi, dilatando la superfice calpestabile darà la possibilità di creare spazi di sosta più idonei. Nei nuovi spazi formatisi, si potranno disporre tavolini esterni con beneficio dei proprietari dei bar. Sono previsti anche spazi  a verde e  per gioco bimbi.

Da Milano io non riesco a…vederli! Però me li posso immaginare. Nelle serate di S. Basso non ci sarà più la ressa per transitare per il Corso e sarà abolita anche la…caccia al tavolino per la consumazione.

Personalmente, lo trovo un intervento molto interessante, coraggioso e utile per smuovere quell’atmosfera appiccicaticcia, quasi ieratica che si  forma regolarmente d’estate intorno all’unico polmone di “passeggio” del paese!

Lo trovo addirittura molto moderno! Quasi tutte le città italiane e straniere tendono a ridurre le aree adibite alle auto a favore di spazi ad esclusivo uso pedonale: la città si rinnova e certamente in meglio. Milano, che è la città dove vivo ormai da oltre cinquant’anni, l’ultimo intervento qualitativo in questo senso l’ha compiuto proprio in Piazza Duomo: sono state “cancellate”, è proprio il caso di dirlo,  tutte le vie che conducevano all’ex Piazza che è stata portata ad un unico livello. Non ci arrivano neanche più i taxi; e i fornitori si fermano ai bordi dell’enorme spazio pedonale che si è venuto a creare e che unisce: Piazza S. Babila, Piazza Duomo con la Galleria (che porta anche alla Scala), Piazza Castello con la Via Dante e l’area di Palazzo Reale alla destra del Duomo. Un enorme spazio pedonale utilizzato qua e là con tavolini all’aperto, dove la gente si rilassa, fa le foto mentre dà il mangime ai piccioni e gli artisti di strada creano quell’atmosfera bohèmienne tanto cara agli impressionisti francesi che dipingevano la città in trasformazione durante tutte le ore del giorno! Insomma un vero salotto all’aperto dove si svolgono mostre e si affacciano monumenti e opere d’arte.

E allora! Bisogna uscire dai vecchi schemi e ricordi  di una Termoli che non ci appartiene più!  Quella rimarrà sempre nel nostro cuore e nessuno ce la potrà mai rubare perché fa parte della nostra infanzia e della nostra gioventù! Dei nostri dolci ricordi fatti di momenti, personaggi, odori e preziose fragranze che non esistono più!

 

Termolesi! Io da Milano vi vedo e vi penso sempre! Molto più di quanto voi non crediate. E ogni cosa che succede l’avverto, spesso, molto prima di quanti di voi oggi si ritengono termolesi più del sottoscritto (sic!). E vi assicuro che il Corso Nazionale per me è stata la mia casa…il mio fratello, mia sorella, mia madre, mio padre…la mia sposa e la mia amante!  Insomma, un compagno di vita che mi ha seguito fino ad oggi e mi seguirà ancora per il resto della vita. Sono dell’idea che il tempo, spesso,  cancella le cose vecchie e ce le restituisce più belle. Con sacrifici magari! Ma  se sono belle bisogna farli i sacrifici perché come recita quel vecchio tavitte termolese ”…’a  femmene pe’ parè’ bbèlle c’è fatte scurciâ”.

E al Vecchio Corso, che avrò sempre stretto in questo cuore nostalgico al pari di una gemma preziosa, dedicai questi versi che vi allego.

Sono la rievocazione di tre   suoi momenti nelle diverse epoche. Quelli della mia età e, magari, anche con qualche anno in più, ricorderanno gli antichi odori, i profumi, i personaggi, ormai scomparsi, cari a quella generazione. Anche se da qualche tempo non si usa far transitare neanche i cortei funebri, il “Corso” rimane sempre il padrone assoluto di tutti gli avvenimenti più importanti: dalle processioni, ai matrimoni, allo “struscio” e alle dieci…“vasche” per sera.

‘U CORSE NAZIONÁLE

1a parte: i personaggi

Quande jève pecceninne, m’arecòrde,

‘na stráde lònghe spaccáve ‘stu pajèse

i neguzje ch’i cingele e ch’i còrde

daváne ‘u frische a chi facève ‘a spèse.

 

Abbasce, abbasce, ‘ssop’a scalenáte

ca te purtáve “abbasce a la marine”,

’nda ‘nu lócale picquele e quadráte

Pasciulle arecquengiáve ‘i radiuline.

 

Sajènne ‘n âte ccòne, a mána dritte

trevive ‘a “Casine di’ Segnure”,

ando’ sule trascève pe’ deritte

chi tenève ‘na cèrta levature

 

De rempètte au Banche Lòtte, cchjù ‘ssòpe,

Basso Ragne stáve  c’a gélateri’;

Limónge, cucce appise, sdrajje e scòpe

spejáve a Laccètte e l’óról’oggeri’.

 

Cumpá’ Jannucce, vótte e dameggiáne,

de banne stáve au Bar Mautóne;

Rómamanze, fiòre-farine e páne,

de frónte a Mancine, “Arme e Munizióne”.

 

 

Sajènne sèmpre ‘u Córse, a mána manche,

dòpe Auróre, “Giurnále e cóse varje”,

prime dell’Asile, pròprje de fianche,

Bazzar, sèmpre ‘n mócche  c’u secarje.

 

Apprisse Spinozze, “Libbre p’i scóle”,

stáve appeccecáte au varvire Gine.

Se velive ‘u geláte o ‘a Cóca Cóle

de rempètte iva jî au Bar Farine.

 

E staváne tant’âte neguziante,

ca ‘hi ne m’i recòrde pròprje cchjù;

‘a mènte ‘ngi recòrde tutte quante,

jèvene fòrse cènte o… fòrse cchjù.

Ottobre 1980       

 

 2a parte : Le usanze

‘Stu Córse mo’, che tutte ‘sti perzòne,

jève l’ucchje e ‘u córe du’ Pajèse

pe’ ogne sante purtáte ‘n precessiòne

ce culuráve ch’i cupèrte appèse.

 

Quande jève ‘a fine du’ mèse aguste

ca tutte facèváne i pemmadóre,

Jannucce ch’i bbettije ajuste-ajuste

vedive che facève affáre d’óre.

 

E ‘ssop’ i  marciappéde, a dèstre e a manche,

spáse a seccá’ ssop’i tavelarille,

a fianche di’ trajine o sott’i sdanghe,

i lice , i trejezzóle e i diavelille.

 

E che ‘ddòre! Che ‘ddòre  ca sajève

da chisti cóse chjène de cheleure

ca se chjedive l’ucchje  te parève

de sta’ ‘nda ‘nu giardine, ammizz’i fiure.

 

L’olèandre ‘mpennáve ‘n primavère

e l’ummene ce levaváne ‘u mantèlle

róndene e taja-facce fin’a sère

decèváne cu’ timpe jève bèlle.

 

E Vasselucce da ‘u Pajèse Vicchje

ascève pe’ ce fá ‘na camenáte,

pu’ da Verzèlle, ‘nzime a ‘n’âta cócchje,

“a passatelle” fenèváne ‘a seráte.

 

E quiste jève ‘u Corse de ‘na vóte:

ch’i lampejune affianche ‘a bbasuláte

ddu’ strisce ghjanche segnáte da ‘i rote

e ‘u Derette c’aretrásce ‘mbrejacáte

 

Acquesci’, proprje acquesci’,  m’u recòrde:

‘na stráda lònghe c’u spaccáve ‘a mmizze,

i neguzje ch’i cingele e ch’i còrde,

l’ummene ‘u mantèlle, ‘i fèmmene ‘u strapizze.

Ottobre 1080

 

3a parte : ’U CORSE NUVE

Te vòjje arecurdá’com’e ‘na vóte

pure se mo’ si’ tutt’ arecagnáte

e au pòste di’ trajine ch’i ddu’ róte

vanne ‘i machene ‘a mmizz ‘a carrèggiáte.

 

Quist’è ‘u progrèsse, t’ija rassegnâ!

E’ ‘u vère! I neguzje so’ cchjù bbèlle

‘a gènte ce ve’ sèmpre a passeggiâ’

e a mèzzanotte passe Cularèlle.

 

 

Pu’, quande cále ‘u sole e scégne ‘a sère

ca gènte ve’ e cumènze a fá ‘u strusce

cóme e ‘nu salòtte che te’ a cère

tu bbrille de cheleure gialle e rusce.

 

‘A gènte ca cia ssètte ai taveline

du’ Gatto Vèrde oppure da’ Grondaje

dope ch’è resavete da’ marine,

ce fá l’apèritive e vá mangnaje.

 

‘A mmizze au Monumente di’ Cadute,

mamme e nònne ancòre ch’i carruzzèlle

pòrtáne a spasse i fije  ch’i nepute

quande fá fridde e quande ‘u timpe è bèlle.

 

Quande pu’ arrive ‘a fèste du’ Patròne

e vènne ‘i ggènte di’ pajise atturne,

tu pure t’areghigne de persòne

che fanne ammoónte-e-bbasce tutt’u jurne.

 

E tutte quèsta gènte che passègge

‘a mmizze o ai láte sènza derezziòne,

sèmbre ch’è máre oppure sèmbre grègge

chè sciute a pasquelá’ sènza padròne!

 

E ‘lli tavelarille? ‘A  bbasuláte?

‘A bbande cu’ curte’ d’a precesssiòne?

Da jire a ‘hòjje come si’ cagnáte!

Ma du’ Pajèse, sèmpre tu ‘u Padrone!!!

Dicembre 2014

Più informazioni su