Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Piazzetta e area giochi su corso Umberto con nuova pavimentazione: il progetto in tre fasi foto

L'Amministrazione comunale ha illustrato come intende trasformare la strada pedonalizzata a dicembre e al centro di aspre polemiche politiche

L’Amministrazione di Angelo Sbrocca vuole realizzare una piccola piazza all’imbocco di corso Umberto I e un’area giochi sotto piazza Bega. Lo ha rivelato lo stesso sindaco specificando quali sono i lavori previsti sul segmento di strada resa pedonali a dicembre 2018 dopo l’apertura della nuova via Dante. Una scelta che ha fatto infuriare alcuni dei commercianti del posto e che è contrastata dagli altri schieramenti politici.

Di fatti ieri mattina, 7 maggio, sono iniziati i lavori che prevedono la riqualificazione della zona pedonale in tre fasi. “La prima prevede la posa in opera delle tubazioni per la separazione, come previsto per legge, delle acque bianche dalle acque nere. Questi lavori rientrano tra le opere necessarie a migliorare in futuro il carico e il funzionamento del depuratore del porto” si legge in una nota del Comune.

Come già scritto da primonumero.it, oltre alle tubazioni delle fognature, verranno installati dei nuovi pali della luce. “Contemporaneamente si sta provvedendo a sostituire il vecchio impianto di illuminazione aereo a luce gialla che era un impianto vecchio e poco efficiente dato che la strada rimaneva quasi in penombra e i marciapiedi di Corso Umberto al buio – prosegue il Comune -. Il nuovo impianto di illuminazione prevede l’installazione di 16 lampioni con doppie lampade al led direzionate verso il centro e ai lati del corso. Verrà eliminata l’antiestetica e ormai inefficiente linea aerea dei cavi che saranno invece interrati. Inoltre verrà creata un piccola area giochi per bambini all’altezza dei portici di piazza Bega”.

Via dante e corso Umberto I

Ma come detto, si tratta solo della prima fase delle operazioni, già fortemente contrastate sul posto ieri da diversi esponenti del centrodestra e del Movimento Cinque Stelle. Il candidato sindaco Francesco Roberti ha incontrato proprio nelle scorse ore i commercianti del posto, assicurando che uno dei primi provvedimenti qualora dovesse essere il vincitore delle elezioni, sarà appunto quello di riaprire al traffico veicolare corso Umberto I.

La seconda fase – prosegue l’illustrazione del Comune che ieri aveva provato col dirigente Gianfranco Bove a far capire le proprie intenzioni – prevede la realizzazione di una piazzetta tra corso Umberto e piazza Garibaldi con posizionamento di panchine e verde. L’alberatura di Corso Umberto verrà curata e lasciata così come oggi si presenta. In questa fase saranno riqualificati anche tutti i marciapiedi che vanno da via Gioberti, Corso Umberto e fino a via Dante” Un’operazione che per il momento attende il via libera della Soprintendenza dei beni architettonici.

Proteste lavori corso Umberto

Infine la terza fase dei lavori di riqualificazione di Corso Umberto che prevede “la posa di una nuova pavimentazione realizzata con materiali di pregio così come per piazza Monumento, Corso Nazionale, via XX Settembre, via Adriatica e tutta la zona ottocentesca”,

Secondo il sindaco Angelo Sbrocca “l’infrastruttura e la riqualificazione di corso Umberto, dopo essere diventata zona pedonale, è un passaggio fondamentale per la ricucitura con l’area pedonale del corso Nazionale e di piazza Monumento già realizzata”.

Va precisato però che i tempi di realizzazione appaiono più lunghi, almeno per quanto concerne la seconda e la terza fase, rispetto alla scadenza elettorale. Ciononostante l’Amministrazione uscente va avanti per la sua strada.

“Questo – conclude il primo cittadino – dà l’opportunità di creare un centro commerciale naturale e quindi zona attrattiva dove gli esercenti potranno incrementare la propria attività anche con dehors, come già accaduto lungo corso Nazionale, via XX Settembre e via Adriatica e tutti i cittadini potranno godere di nuovi spazi e servizi lontani dalle auto e in assoluta tranquillità.

Tutte le città in Italia e all’estero stanno aumentando con successo gli spazi pedonali per una migliore fruizione dei centri cittadini, anche noi siamo esempio di questo basti pensare a quanta gente quotidianamente si riversa su Corso Nazionale e le vie adiacenti”.