Dalle bancarelle al luna park: conto alla rovescia per Corpus Domini. ‘Concertone’, spuntano Achille Lauro, Ultimo e Bertè

Contatti e trattative avviate in Municipio per scegliere l'artista che salirà sul palco per chiudere i tre giorni di eventi organizzati per Corpus Domini. Intanto, approvato il piano sicurezza: confermate le bancarelle e l'evento 'Campobasso città dei Misteri tra borghi e tradizioni'.

Il piano di sicurezza per la predisposizione delle bancarelle in città è stato già approvato. Tuttavia, a poco più di un mese e mezzo dal Corpus Domini del 23 giugno, inizia a tenere banco il ‘totonomi’ sull’ospite speciale del tradizionale ‘concertone’ che chiude la tre giorni di eventi organizzati dal Comune di Campobasso. Organizzazione per ora in capo all’amministrazione Battista, in carica fino all’insediamento degli eletti vincitori del prossimo 26 maggio (e potrebbe essere lo stesso Battista, ricandidato dalla coalizione del centrosinistra alle Amministrative).

In Municipio sono iniziate le trattative e avviati i contatti per l’artista che salirà sul palco che presumibilmente, come avviene da un paio di anni a questa parte, sarà allestito in piazza della Repubblica e non più nella storica location di piazza Prefettura per motivi di sicurezza.

Per ora come trapela dai corridoi del Comune sul tavolo ci sarebbero tre opzioni: due proposte rivolte ai più giovani, Achille Lauro e Ultimo, con il primo che pare in netto vantaggio sul secondo per motivi di budget. Il rapper, reduce dal successo al concertone del 1 maggio in piazza San Giovanni a Roma, ha preso parte alla 69esima edizione del Festival di Sanremo, con il brano ‘Rolls Royce’. È inoltre considerato il pioniere della samba trap, una variante della trap in chiave latina.

Reduce dal festival di Sanremo pure Ultimo, arrivato al secondo posto con ‘I tuoi particolari’. Il cantautore romano attualmente è in tour con ‘Colpa delle favole tour’, dal nome dell’album in cui è inserito anche il pezzo con cui ha partecipato alla più importante kermesse canora del Paese.

Terza proposta: la ‘regina’ del rock italiano Loredana Bertè, una lunghissima carriera alle spalle e rilanciata dall’ultimo Festival di Sanremo dove ha partecipato con la canzone ‘Cosa ti aspetti da me’ arrivando quarta. Forse lo ricorderete: la graduatoria provocò veleni e polemiche. Ora la Bertè  sta partecipando come giudice nel programma Amici di Maria De Filippi.

L’idea, come trapela da Palazzo San Giorgio, sarebbe abbinare un artista più conosciuto dai giovani con uno più maturo e dunque in grado di essere gradito da un pubblico più adulto, un po’ come avvenuto l’anno scorso con i The Kolors e Nina Zilli. I primi si esibirono il sabato sera, l’artista romagnola la domenica sera.

Altro obiettivo: conciliare le esigenze di budget con la volontà di organizzare un Corpus Domini all’altezza delle aspettative.

I colori della fiera del Corpus Domini

Intanto la giunta Battista ha approvato il piano di sicurezza pianificando la sistemazione delle bancarelle. Ne sono previste circa 400 che saranno smistate tra l’area del vecchio stadio Romagnoli, in viale Elena (tra l’incrocio di Piazza Savoia fino all’incrocio di piazza Vittorio Emanuele), tra l’incrocio di via Nobile fino all’incrocio di piazza d’Ovidio, via Gazzani, via Trivisonno via Verdone, Piazza Savoia, via Albino.

Nell’area fieristica saranno predisposti anche i servizi igienici e 5 postazioni con impianto di lavandini.

Anche quest’anno inoltre è confermata la manifestazione ‘Campobasso Città dei misteri tra Borghi e Tradizioni’ ideata dall’ex assessore alle attività produttive Salvatore Colagiovanni e che si svolgerà a partire da giovedì 20 giugno. Invece in piazza della Vittoria sarà allestita l’area eventi. Spazio pure al luna park: sarà allestito in località Selvapiana.

Nei prossimi giorni sarà approvato il programma degli eventi, dove spicca ovviamente la famosa sfilata dei Misteri.