Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Confronto Comune-associazioni: bando pubblico per assegnare le 22 sedi dello stabile di via Elba

Decine di società presenti all'incontro con gli amministratori comunali. A breve l'evidenza pubblica per assegnare i posti

Più informazioni su

Il rudere di via Elba non esiste più da qualche mese e al suo posto sta crescendo di giorno in giorno una nuova struttura in cemento che ospiterà al pian terreno un supermercato e al primo piano un auditorium da 150 posti e 22 sedi per associazioni. Ma come verranno assegnati i posti? Chi ne avrà diritto? Quel che è certo è che presto verrà fatto un bando pubblico per l’assegnazione.

Proprio di questo si è discusso nel pomeriggio di martedì 14 maggio in municipio, con un confronto fra i rappresentanti di decine e decine di associazioni e diversi esponenti dell’Amministrazione Sbrocca. Al fianco del sindaco Angelo Sbrocca c’era quasi tutti gli amministratori che hanno scelto di ricandidarsi con lui alle prossime comunali: gli assessori Maria Chimisso e Pino Gallo, i consiglieri Andrea Casolino, Gianni Di Tella, Salvatore Di Francia e Oscar Scurti.

Il sindaco ha esposto brevemente i punti salienti del project financing che ha portato alla demolizione dello scheletro di cemento che “era lì da 35 anni e dequalificava il quartiere. Il nostro obiettivo è riqualificarlo e renderlo bello e con diversi servizi, specie se andrà in porto il progetto pensato con la Diocesi“.

Com’è noto, il piano di sopra della struttura in costruzione rimarrà pubblico. “Ci sarà una grande sala riunioni e almeno 18 o più probabilmente 22 sedi per le associazioni. Stiamo infatti pensato di suddividere alcune delle più grandi, così da averne di più. Ci sarà inoltre un bar con area ristoro da 134 mq e un auditorium da 150 posti“.

Ma a catalizzare l’attenzione è stata la parte relativa alle sedi, e non poteva essere diversamente, considerando i tanti rappresentanti presenti. Un modo variegato dell’associazionismo termolese, dalla marineria alla cultura, dal volontariato allo sport, dal folklore alla tecnologia.

Incontro Comune associazioni stabile via Elba

“Sarà un unicum e il primo esempio su come riunire le associazioni – ha proseguito il primo cittadino -, che avranno la possibilità di interagire fra loro e fare rete. Si tratta di un ulteriore volume culturale in città”.

Le domande, per lo più, hanno riguardato l’assegnazione dei locali, dato che è notorio come 22 spazi siano troppo pochi per le tante associazioni presenti sul territorio. “Verrà fatto un bando pubblico, se ne occuperà il Dirigente ma penso che uscirà a breve. Prima delle elezioni? Questo non lo so” ha detto Sbrocca.

Inoltre le associazioni potranno rispondere al bando sia singolarmente che in forma associata, soprattutto se non avranno l’esigenza di utilizzare lo spazio quotidianamente. Verrà fatta una divisione fra categorie associative, nel senso che si cercherà di aggregare quelle che condividono l’ambito o le tematiche. I locali verranno concessi in comodato gratuito ma ogni società dovrà pagare una quota per le spese quali corrente elettrica o riscaldamento.

Sarà tutto precisato in un regolamento di prossima approvazione, mentre i criteri di accesso saranno esplicitati nel bando. Lo stesso vale anche per l’utilizzo dell’auditorium, per il quale si prevede la possibilità di prenotazione on line.

Incontro Comune associazioni stabile via Elba

“Siamo orgogliosi di questa opera, daremo un servizio a un quartiere molto bello ma ‘scucito’ rispetto a via Corsica e altre zone della città”. L’area avrà a disposizione anche parcheggi, spazi verdi e un’area giochi.

Da quanto emerso in riunione, riscontri molto positivi da parte delle associazioni locali. “Progetto lodevole, aspettiamo una sede da anni” ha commentato uno degli intervenuti. Altri hanno tentato di togliersi dei dubbi, specie per quanto riguarda gli spazi in comune e la tutela dei dati e dei documenti. “Osservazioni giuste, il regolamento servirà anche a questo” la replica del sindaco. I tempi di realizzazione dello stabile? Secondo Sbrocca “entro la fine 2019 o al massimo nei primi mesi del 2020“.

Più informazioni su