Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Allarme Gam, i sindacati pressano la Regione: “Tutto tace”. Chiesto un incontro urgente

“Tutto tace e la preoccupazione cresce”. Così Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil sintetizzano quello che sta succedendo alla Gam. I sindacati attendono ancora la convocazione da parte della Regione per avviare l’iter per la proroga della cassa integrazione. Gli operai percepiranno il sostegno al reddito per altri sei mesi, gli ultimi. Una situazione che sta gettando nello sconforto tanti ex dipendenti che molto probabilmente non riusciranno a reinserirsi nel mercato del lavoro.

E poi c’è un altro fronte ‘caldo’: il rilancio del macello dopo il dietrofront della società Avicola Vicentina (gruppo Amadori) che ha rinunciato al piano di investimento in Molise.

Ecco perchè è scattato l’allarme. Le organizzazioni sindacali alzano la voce e minacciano forme di protesta per tutelare i diritti dei lavoratori.

“E’ passato più di un mese dagli incontri che si sono tenuti presso il Ministero dello Sviluppo economico il 1° aprile e presso la sede della Giunta Regionale il 6 aprile”, ricordano Raffaele De Simone, Florinda Di Giacomo e Raffaele Primiani (rispettivamente rappresentanti di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil). “Non abbiamo notizie sulla vertenza Gam né per ciò che attiene a possibili sviluppi sugli interessi di Agricola Vicentina a rilanciare il macello di Bojano, né per quanto attiene  l’esame congiunto per la richiesta di ulteriori 6 mesi di cigs da noi sollecita più volte nelle settimane passate”.

Eppure qualche giorno fa a Primonumero l’assessore al Lavoro Luigi Mazzuto aveva assicurato che la convocazione della riunione era imminente.

Intanto, le organizzazioni sindacali chiedono un incontro urgente “per entrare nel merito delle questioni, per avere chiarezza e risposte alla situazione in essere. È necessario ricercare tutte le possibili soluzioni che permettano di non sciupare l’opportunità di un investimento che permetta una prospettiva di sviluppo nel territorio matesino e che garantiscano un sostegno al reddito per i lavoratori della Gam”.