Violenta grandinata sulla costa, Basso Molise ostaggio di pioggia, tuoni e fulmini

Nebbia, cielo grigio, scarsissima visibilità, strade allagate: si presenta così Termoli al risveglio. Dopo le abbondanti piogge che sono cadute durante la notte tra domenica e lunedì, l’inizio settimana si prospetta tutt’altro che roseo.

Grandine e nubi

Chicchi grandi come noccioline e con un’intensità tale da creare rallentamenti al traffico, hanno interessato la città intorno alle 11 di questa mattina, lunedì 15 aprile. La grandine si è riversata abbondantemente sulla costa bassomolisana, tenendo in ostaggio il comune per una decina di minuti: un lasso di tempo piccolissimo che, tuttavia, ha creato un’immagine degna dei migliori film apocalittici di Hollywood.

Grandine e nubi

Alle abbondanti precipitazioni, sia sotto forma di rovesci piovosi che grandine, che si sono alternate fin dalle prime ore dell’alba, si è unito un fronte temporalesco che ha illuminato i cieli con scariche elettriche e lampi. Tuoni talmente forti da far tremare i vetri delle abitazioni e delle automobili che, nel corso della mattinata, si sono ritrovate in balia del maltempo che sta colpendo la regione a più riprese.

Il traffico ha subito numerosi rallentamenti, sia a causa dell’asfalto bagnato che ha dato vita a numerose pozzanghere di ampiezza tale da sembrare piccoli laghi artificiali, sia a causa della scarsissima visibilità dovuta all’abbondanza ed alla frequenza con cui la pioggia si è riversata sulla costa.

Grandine e nubi