Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Prova a incassare buoni fruttiferi da 60mila euro con documenti falsi, arrestato

Un uomo di 46 anni è stato ammanettato dai carabinieri della Compagnia di Bojano. Denunciata la complice di 64 anni, sua parente, che si era prestata a manomettere la carta d’identità dell’anziana 95enne di Roma che aveva emesso anni fa i valori postali

Documento falso e tentata truffa: con queste accuse i carabinieri della Compagnia di Bojano in collaborazione con quelli di Trivento hanno arrestato un 46enne del centro trignino che stava tentando di incassare allo sportello dell’ufficio postale alcuni buoni fruttiferi dal valore di 60mila euro.

Con lui anche una complice di 64 anni, sua parente originaria di Roccavivara, che si era prestata nella falsificazione della carta d’identità di cui erano venuti in possesso, intestata alla 95enne di Roma che anni fa aveva emesso i buoni.

Come siano finiti nelle loro mani sia i valori postali che i documenti, i carabinieri lo stanno ancora verificando, ma intanto il 46enne è finito in carcere. A dare l’allarme è stato il notaio presso il quale la coppia si era recata per avere la procura necessaria a riscuotere i buoni.

Il professionista – pur essendo il documento d’identità abilmente contraffatto – aveva notato però delle anomalie proprio nella fotografia apposta sulla carta d’identità e quindi è scattata la sua segnalazione ai carabinieri. Sono partite le indagini e i militari in collaborazione con i colleghi della Compagnia di Bojano hanno ricostruito la dinamiche della truffa che sarebbe andata a buon fine se il notaio non fosse stata scrupoloso come poi è accaduto.

Quindi giovedì sera gli uomini dell’Arma hanno bussato alla porta del 46enne, dopo aver accertato la falsificazione dei documenti e il tentativo di truffa e lo hanno arrestato. Denunciata a piede libero la sua complice di 64 anni.

Questa mattina – sabato 20 aprile – , presso le aule del Tribunale di Campobasso, si è tenuta l’udienza di convalida, rispetto alla quale  il giudice ha convalidato l’arresto e disposto l’obbligo di dimora nel comune di Trivento.