Liste, ultime ore per completarle. Transfughi, novità e sorprese: ecco i primi nomi

Dovrebbero essere 12 alla fine le liste elettorali per le comunali di Termoli 2019. Già presentate quella di Termoli Bene Comune – Rete della Sinistra per Marcella Stumpo e del M5S per Nick Di Michele. Intanto spuntano i primi nomi: passano col centrodestra diversi esponenti di maggioranza

Dovrebbero essere in totale 12 le liste per le prossime elezioni comunali termolesi del 26 maggio. Una ciascuna per Marcella Stumpo e Nick Di Michele, che hanno completato la pratica già stamane. Quattro quelle pro Angelo Sbrocca e sei per Francesco Roberti. Da indiscrezioni e ufficialità ecco i primi nomi.

Come detto Marcella Stumpo è stata la prima candidata sindaco a consegnare la lista della sua ‘Termoli Bene Comune – Rete della Sinistra‘. Sono 24 i nomi presentati (12 uomini e 12 donne), quindi lista al completo. I nomi più noti sono sicuramente Leda Di Santo e Antonello Manocchio, vecchie conoscenze della sinistra termolese che rimangono coerenti col proprio percorso politico.

Nel Movimento Cinque Stelle 14 uomini e 10 donne a sostegno di Nick Di Michele. Solo due i ‘confermati’ rispetto alla tornata elettorale di cinque anni fa: si tratta di Alvio Sciarretta e Luigina Nuonno, quest’ultima in corsa anche alle Regionali 2018. Fra i nomi noti in città si segnalano Domenico Casolino e Basso Caruso.

Nico Casolino

Domani sarà la volta degli altri due candidati sindaco. Francesco Roberti avrà con sé Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Popolari per l’Italia, Diritti e Libertà e Siamo Termoli nel Futuro.

Nel partito di Berlusconi sicura la presenza del consigliere comunale uscente Francesco Rinaldi, mentre dovrebbe tornare alla carica anche Fernanda De Guglielmo, oltre a Giuseppe Mottola (ex Popolari per Termoli) ed Enrico Miele. Praticamente certo l’inserimento di Christian Zaami dopo la mancata composizione di ‘Prima Termoli’. La Lega schiererà gli uscenti Michele Marone e Annibale Ciarniello.

Centrodestra Termoli

L’ex sindaco Antonio Di Brino sarà invece candidato con Fratelli d’Italia, insieme fra gli altri a Luciano Paduano e Silvana Ciciola. Nutrita la presenza di ex esponenti di maggioranza nelle liste che fanno riferimento a Vincenzo Niro.

amministrazione-sbrocca-132889

Fra i Popolari assieme all’assessore Vincenzo Ferrazzano, anche il consigliere Timoteo Fabrizio. Con loro ex esponenti dell’Amministrazione Di Brino quali Vincenzo Aufiero e Bruno Verini. Con la lista Diritti e Libertà Molise invece il consigliere di maggioranza uscente Vincenzo Sabella, l’ex consigliere Stefano Perricone che cinque anni fa fece cadere Di Brino, e il presidente dell’Ordine degli Psicologi del Molise Nicola Malorni. Probabile anche la presenza di Michele Barile, oggi in maggioranza. Nella civica ‘Siamo Termoli nel futuro’ si è già presentato Toni Spezzano ma va segnalata anche la candidatura dell’avvocato Nico Balice.

nico-balice-siamo-termoli-nel-futuro-148751

Lavoro fino all’ultimo per completare le liste in casa centrosinistra. Il primo cittadino uscente Angelo Sbrocca conta su 4 liste: Partito Democratico, Unione per il Molise, VotaXte Sbrocca Sindaco e Italia in Comune.

Fra i democratici sicura la presenza del segretario di Federazione Basso Molise, Oscar Scurti, così come della presidente del consiglio comunale, Manuela Vigilante, e dell’assessore Pino Gallo. Confermata con Unione per il Molise la vice sindaco Maria Chimisso e con lei anche il consigliere di maggioranza Mario Orlando.

Consiglio comunale 30 gennaio 2019 termoli

Nella lista di diretta emanazione di Sbrocca alcuni consiglieri uscenti quali Gianni Di Tella e Andrea Casolino, mentre è confermata la presenza di Salvatore Di Francia. Nella stessa compagine anche Peppino De Lena, già amministratore negli anni passati e con Greco sindaco. Infine il consigliere provinciale Antonio Giuditta sarà ‘a capo’ di Italia in Comune assieme a Giorgio De Luca.

Fra gli uscenti in maggioranza non dovrebbero essere ricandidati l’assessora Filomena Florio e i consiglieri Sebastiano Di Campli, Antonio Sciandra, Mario Potena, Maria Grazia Cocomazzi e Francesco Di Giovine.