Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

L’idea vincente di Katia: il protocollo d’intesa per la valorizzazione dei comuni finisce in un libro

L’avventura di Katia Lucchese iniziò nel 2010 con la stesura e la successiva discussione di una tesi di laurea dal titolo ‘Le fattorie turistico-sociali per lo sviluppo del territorio molisano Italo-Croato’, offrendo all’Ateneo Molisano dell’Università degli Studi del Molise un’importante occasione per discutere di un tema centrale, strategico ed essenziale per la nostra regione: quello della valorizzazione del patrimonio locale legata alla fruibilità turistica individuandone percorsi di sviluppo e di opportunità per il tessuto territoriale.

Nel corso del 2011, in diversi comuni, compresi tra i fiumi Trigno e Biferno, si sono svolti diversi incontri e convegni che avevano come obiettivo proprio quello di illustrare e presentare al territorio le proposte progettuali intraprese dal lavoro di studio e di ricerca per la realizzazione della tesi.

Da qui l’idea di Katia, originaria di San Felice del Molise, di un protocollo d’intesa che avesse lo scopo principale di portare a conoscenza della collettività, luoghi conosciuti, ma poco valorizzati; e, nella visione, di favorire lo sviluppo della cooperazione di più soggetti istituzionali messi in rete, puntando sugli elementi di competitività e sostenibilità delle potenzialità del territorio.

katia-lucchese-147402

In seguito i comuni di Acquaviva Collecroce, Castelbottaccio, Castelmauro, Castropignano, Civitacampomarano, Duronia, Fossalto, Guardialfiera, Limosano, Lucito, Lupara, Mafalda, Molise, Montefalcone nel Sannio, Montemitro, Montenero di Bisaccia, Palata, Pietracupa, Roccavivara, Salcito, San Biase, San Felice Del Molise , Sant’Angelo Limosano, Tavenna, Torella del Sannio e Trivento.

Il 26 giugno 2012, presso la Sala del Consiglio del Rettorato a Campobasso tale sinergia e progettualità di crescita comune prese forma esecutiva con la firma che i 26 sindaci dei comuni ed il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi del Molise, allora Professor Giovanni Cannata, posero al Protocollo d’Intesa relativo allo studio, alla tutela ed alla valorizzazione del patrimonio locale e all’individuazione di percorsi di sviluppo locale incentrati sulla fruibilità e promozione turistica. Oggi tale studio è stato realizzato attraverso il libro ‘Terre invisibili’ a cura di Monica Meini.