Primonumero.it - Notizie da Termoli Campobasso Molise

Esenzione dal ticket, sportelli aperti solo per i primi 180 ‘fortunati’. Calca e proteste all’Asrem

Il direttore del Dipartimento del distretto sociosanitario di Campobasso, la dottoressa Rosa Iorio, ha riorganizzato l'attività dello sportello preposto alla presentazione delle domande. Malumori tra i cittadini.

Più informazioni su

C’è chi ha dovuto attendere ore. Altri che invece dopo l’attesa sono stati costretti a tornare a casa: all’Asrem di via Ugo Petrella dovranno recarsi di nuovo domani. Perchè lo sportello in cui richiedere il rinnovo dell’esenzione del ticket accetta solo 180 persone. C’è un cartello firmato dalla dottoressa Rosa Iorio, nominata un paio di anni fa direttore del Distretto sociosanitario di Campobasso, che informa l’utenza della novità.

“Si comunica che al fine di evitare disagi e inutili attese all’utenza e garantire il corretto espletamento delle attività di sportello, l’erogazione dei numeri di prenotazione per il rinnovo dell’esenzione del ticket verrà sospeso al superamento delle soglie massime giornaliere come riportato nella tabella”. E quindi nello sportello aperto dalle 8.30 alle 13 dal lunedì al venerdì vengono soddisfatte le prime 180 richieste. Tutt’al più, ci si può rivolgere all’ufficio per due pomeriggi a settimana (lunedì e mercoledì dalle 15.30 alle 17): in quest’ultimo caso possono essere espletate le domande di altre 80 persone.

Asrem Campobasso

Peccato che l’avviso, affisso proprio sopra la macchinetta che eroga il biglietto, non sia servito a placare la rabbia di chi è arrivato 181esimo e non ha potuto usufruire del servizio. Con tutti i disagi del caso. Perchè magari l’utente che ha bisogno di presentare la richiesta è anziano (l’esenzione spetta in particolare a chi ha più di 65 anni e ha un reddito basso) e con non poche difficoltà ha raggiunto l’Azienda sanitaria di via Ugo Petrella oppure ha preso un permesso dal lavoro per portare la richiesta per conto di un familiare e ha dovuto fare dietrofront.

La riorganizzazione dello sportello per l’esenzione del ticket sanitario insomma ha creato malumori, oltre ad aver scatenato una ‘corsa’ a chi arriva prima a prendere il biglietto per poter essere tra i primi 180 ‘fortunati’, come ci racconta un cittadino arrivato oggi in ritardo. “Ma com’è possibile che l’utenza venga sempre penalizzata? Perchè questa novità? Non si è mai vista una cosa del genere…ma questa sanità molisana ormai…”, dice arrabbiato alla nostra redazione. Del resto, questa sarebbe solo l’ultima di una serie di carenze con cui i molisani devono fare i conti.

Più informazioni su